Questo sito contribuisce alla audience di

Il giudice e il reo

In questo testo vi sono alcune ricerche sulla macchina giudiziaria del nostro paese, con particolare riferimento al Mezzogiorno, dai giudici delle Gran Corti Criminali a quelli dei Tribunali speciali

L’intervento che segue è tratto dal mio testo: “Il giudice e il reo. Criteri metodologici e strutture giudiziarie nel Mezzogiorno in età contemporanea”, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1993, pp. 136. Dopo un esame della macchina giudiziaria nel Mezzogiorno preunitario e della criminalità comune e politica nell’ottocento e novecento italiano, ci si sofferma sulle giurisdizioni dei giudici conciliatori, di circondario, delle corti criminali e speciali. Analizza le connessioni storico-sociologiche con le costanti territoriali, alcuni aspetti della criminalità durante l’occupazione alleata nel secondo conflitto mondiale e talune metodologie per le prime ricerche storiche sul fenomeno terroristico. Il libro è in una collana che utilizza categorie al confine tra storia, sociologia, antropologia e psicologia. Riflette sulla crisi d’identità delle scienze sociali ed è alla ricerca delle ragioni profonde della storicità dei fatti umani.