Questo sito contribuisce alla audience di

'E pezziente

Fra le più belle poesie di Totò, ve n'è una dedicata ai mendicanti, dove distingue fra diverse tipologie attraverso una introspezione da par suo. Credo che il dialetto partenopeo non abbia bisogno di particolari traduzioni

“All’angolo ‘e via Chiaia se mette ‘nu pezzente ‘e puosto tutt”e juorne, e nun accocchie niente. Pulito, dignitoso, nu’ stenne maie ‘na mana; ll’uocchie ‘nchiuvate nterra pe’ ‘na jurnata sana. ‘A ggente nun ‘o guarda e nun ‘o ffanno apposta: pe’ ffa’ chillu mestiere nce vo’ ‘a faccia tosta! Io ne cunosco a uno: Peppino ‘a Fiurella. S”a fà a Santa Teresa, vicino ‘a Parrucchiella. Si ‘o daje ‘na cinche lire ‘o sango lle va stuorto, t”a jetta nnanze ‘e piere e arreto te fa ‘e muorte. Dà ‘e sorde c”o ‘nteresse, ‘a sera va ‘a cantina; tene pure ‘a seicento, tre cammere e cucina. Invece chillo ‘e Chiaia, misero e vergognoso, stanotte è muorto ‘e famme, povero e dignitoso”.