Questo sito contribuisce alla audience di

Caratteristiche della Sacra Corona Unita

La Puglia è passata ad essere un territorio ad insediamento mafioso a causa dell'attività della Sacra Corona Unita, sempre più dinamica e pericolosa

Nel corso di pochi decenni la Puglia è passata da territorio a rischio, ai fini della criminalità organizzata, “a regione di tradizionale insediamento mafioso”. Inoltre, contrariamente a quanto spesso si è ritenuto, la mafia in Puglia ha attecchito, la cosiddetta Sacra Corona Unita, in una terra non depressa economicamente, ma soprattutto negli anni ottanta del novecento, che erano anni di grande sviluppo economico e di forte dinamismo imprenditoriale. La SCU si è strutturata secondo una gerarchia fortemente piramidale con otto livelli, come ricorda la dottoressa Marina Cappiello: picciotto e camorrista della società minore; sgarristi, santisti, evangelisti, trequartisti, medaglioni e medaglioni con catena della società maggiore. Otto medaglioni con catena compongono la “Società segretissima”, l’equivalente della cupola siciliana. La Società segretissima comanda un corpo speciale chiamato la “Squadra della morte”, composto da killer particolarmente sanguinari. Ancora alla fine degli anni ottanta, secondo Massari, la SCU era “più un progetto di organizzazione mafiosa che una realtà concreta”. Attualmente le cose si stanno rapidamente modificando nel senso più negativo per la nostra società, con ripetuti omicidi ed azioni gravemente delittuose.