Questo sito contribuisce alla audience di

Casanova e il concetto del pudore femminile

Giacomo Casanova si è diffuso sul concetto di pudore femminile nel suo testo intitolato "La verecondia" del 1780

Casanova assai versato nei confronti della sensibilità femminile, grazie alla sua ampia prassi, è stato in grado anche di esprimere valutazioni teoriche sull’universo femminile. Secondo Casanova, oltre al pudore connesso alle cattive azioni, ve n’è un altro che attiene alla nudità del corpo. Il pudore per Casanova, sostiene la dottoressa Lucia Golinelli, “è un sentimento che le donne apprendono, ma che poi spesso custodiscono nell’animo come se fosse innato e, altrettanto spesso, abbandonano non appena trovano la forza di trasgredire i suoi divieti”. Naturalmente la malattia e il parto non possono rientrare in alcun modo nella sfera del pudore, tant’è che proprio Casanova è fra i primi a sostenere la necessità della presenza del medico sulla scena del parto. Egli si batte “per l’affermazione di tale pratica e per il superamento di quella esasperata esaltazione della pudicizia, della verginità e del pudore femminile che portava a ritenere indecente il contatto degli uomini (tranne i mariti) con la genitalità femminile”(Golinelli). Come si vede la posizione di Casanova, al riguardo, è assolutamente innovativa in un tempo in cui, il Settecento, la maggioranza delle persone è convinta che la gestione del parto debba esaurirsi fra donne, familiari, levatrici e mammane, senza la partecipazione di un medico maschio. Del resto Giacomo Casanova è appartenente alle logge massoniche, dove spesso ha discusso, con pregevoli tavole, su temi a volte anticipatori di scelte che col tempo matureranno nella pubblica opinione. L’interesse per la “femmina” o la “malafemmina” è tipico delle riflessioni di massoni illustri, fra cui, oltre a Giacomo Casanova, ricordo Lorenzo Stecchetti, giornalista e scrittore, a ulteriore testimonianza della passione culturale con cui la massoneria ha vissuto la sfera della sensibilità e della sessualità femminile e della condizione della donna.