Questo sito contribuisce alla audience di

Er povero ladro

Una bella poesia di Belli tratta da "Sonetti romaneschi" su un povero ladro

“Nun ce vò mica tanto, Monzignore,/de stà lì a sede a senzià la gente/ e de dì: questo è reo, quest’è innocente./ Er punto forte è de vedeje er core./Sa quanti rei de drento hanno più onore/che chi de fora nun ha fatto gnente?/ Sa lei che chi fa er male e se ne pente/ è mezz’angelo e mezzo peccatore?/ Io so ladro, lo so e me ne vergogno:/ però l’obbligo suo sarìa de vede/ si ho rubbato pe vizzio o pe bisogno./ S’averia da capì quer che se pena/da un pover ommo, in cammio de stà a sede/ sentenzianno la gente a panza piena./”