Questo sito contribuisce alla audience di

Femmene, femmene!

Un ritratto di donne "infami" disegnato da Salvatore Di Giacomo

Davide Monda in un suo recente splendido lavoro dal titolo “Un gatto nell’anima”, idea libri, Rimini 2001, riprende le strofe di una bella poesia di Di Giacomo, Femmene, femmene, tratta da “Ariette e canzone nove”, di cui desidero riproporre qualche brano. Queste persone, nell’ottica del gioco poetico di Salvatore Di Giacomo, sono delle donne perdute che a volte fanno disperare, delle “infami”, delle donne terribili che si regolano come i gatti, che mentre mostrano di accarezzarti poi ti fanno un graffio. Per questi motivi, con ironia, inserisco questo brano fra coloro che si connotano come “poco di buono”. Di Giacomo dice: “Femmene? Tutte pésseme/ Femmene? Tutte nfame!/ E chesta nun è chiacchiera,/ ma è pura verità./ E ‘a quanto tiempo ll’uommene/ stanno dicenno chesto?/ E ‘a quanta, ‘a quanta secule/ nun ponno maie lassà/ sti femmene?…/ (Sti femmene/ ca ‘e fanno disperà!)/ Femmene? Cchiù terribbele/ D’ ‘e gatte traritore!/ Vedite, a chi ll’allisceno,/ che scippe sanno fà!/ Embè, quanto cchiù ‘e scìppeno,/ quanto cchiù ‘e fanno male,/ cchiù chille se nce azzéccano,/ cchiù nun posso addumà/ sti gatte… (o sia,/sti femmene/ ca ‘e fanno disperà!…).