Questo sito contribuisce alla audience di

Traffico di uomini e prostituzione

La quarantottesima relazione semestrale dei servizi segreti italiani svolge alcune rapide valutazioni sulla mafia nigeriana nel nostro paese (14 marzo 2002)

Il traffico di droga e quello di migranti, quest’ultimo finalizzato ad alimentare il meretricio, rappresentano i principali ambiti di intervento anche dei sodalizi nigeriani, caratterizzati da un’elevata compattezza interna basata, oltreché sui legami etnici, sulla diffusione di pratiche “magico-religiose”. Il monitoraggio informativo ha, inoltre, confermato la tendenza di quei gruppi ad agire nel settore delle estorsioni, nella contraffazione e nello smercio di documenti falsificati anche con la complicità di delinquenti italiani. (Si tenga presente che la mafia nigeriana solo all’apparenza non particolarmente aggressiva con gli italiani, è durissima, in certi casi, con donne e uomini che si ribellano a terribili forme di schiavitù e di cancellazione di ogni dignità umana. Come per esempio per la mafia cinese ed altre, dovremmo poter avere una “polizia nigeriana”, come insegna la scuola delle forze dell’ordine americane, nota della guida).