Questo sito contribuisce alla audience di

Pascale 'e Bello

Il giornalista e poeta Ferdinando Russo (Napoli 1866-1927), nell'ambito delle rime di "Gente 'e mala vita", ha descritto anche qualche squarcio di vita di camorristi

E’ il caso di Pascale ‘e Bello, venditore di crusca, che è la persona che comanda la zona intorno alla Rua Catalana. Quand’era ragazzo si arrangiava, vivacchiava, poi una volta entrato nella camorra aveva preso il volo. Ora noleggia carrozze, affitta case, possiede piccole barche, ha una decina di botteghe. E quando un uomo politico si candida per il parlamento, immediatamente va da lui a patteggiare il suo appoggio. La poesia recita così: “Don Pascalino ‘e Bello, ‘o vrennaiulo,/è l’ommo ca cumanna ‘a piazza sana./ Quann’era nu scugnizzo ‘o copp’ ‘o Muolo/sceppava ‘a jurnatella int’ ‘a Rugana./ Po’, comme va? Piglia e pigliai nu vuolo!/ Luvaie da ‘o peccato ‘a Puzzulana,/’a camorra ‘o facette cuntaiuolo,/ e mo è tutt’isso, all’ Aria Catalana./ Tene ‘e cuppè d’affitto, ‘e vuzze a mare,/ ‘e ccase a’ Torre, ‘e vvacche a Margellina,/ otto o dieci puteche ‘e farenare./ E quanno ha da saglì nu riputato,/Pascale ‘e Bello se sceta matina,/ e va a fa’ ‘e patte ncopp’ ‘o Cumitato”.