Questo sito contribuisce alla audience di

Gennarino Sbisà detto coppola-rossa

Un ritratto di un camorrista ad opera del grande Ferdinando Russo

Russo narra la vicenda di un camorrista, Gennarino Sbisà, soprannominato coppola-rossa, che è insuperabile per quanto riguarda la “zumpata” (il duello col coltello). E’ capace di fronteggiare anche parecchi avversari, usa il coltello con straordinaria abilità e fa’ sempre lo stesso rapidissimo movimento. Accoltella il rivale tirando sotto al polmone, fa uscire il sangue, ti vede cadere per terra e poi si allontana. Gennarino era un giovane macellaio, ma poi l’hanno promosso camorrista perché è una persona che riesce molto bene come camorrista. E’ il più dotato di tutti i malandrini. “Gennarino Sbisà, Coppola-Rossa,/nfaccia ‘a zumpata nisciuno l’appassa!/ Si tene ‘e faccia pure ‘a truppa a massa,/tira mana, e fa sempe ‘a stessa mossa./ Te mena ‘a curtellata a scassa-scassa,/ sott’o prummone, ca te vene ‘a tossa;/ te fa sputà nu poco ‘e scumma rossa,/ te vere carè nterra e pò te lassa./ Gennarino era giovane ‘e chianchiere,/ ma mo l’hanno cacciato cammurristo/ pecché è suggetto ca pò fa’ ‘o mestiere./ E ‘o primmo taglio ‘e tutt”e malandrine!”.