Questo sito contribuisce alla audience di

Camorra e camorristi

Fra le poesie di Ferdinando Russo ve ne è una molto lunga ed articolata, in quindici parti, in cui si parla anche della camorra e si fanno ritratti di camorristi. Da qui sono state acquisite due parti, la prima che parla della camorra e la seconda delle caratteristiche di un camorrista

Quella è la camorra e devono accettarla, perché si sa come va il fatto… Ma quando si scagliano le pietre, e chi rimane ferito si fa medicare. A parte questo sono generosi, perché questa è una loro caratteristica. Tu vai per la fame, tu per la sete, chi arriva per primo beve, mangia e fà mangiare. E’ una masnada di paladini di Francia fatta per aiutarsi l’uno con l’altro…La giornata non è favorevole? Ed allora ci si arrangia. La squadra di notte compie un’azione? Un ragazzo va dentro carcerato? Non parla, per rigardo all’omertà. // Lesto di mano, capace, insinuante, bugiardo, tenace e coraggioso, leale e duro come il cane riccio, camorristiello dalla nascita, litigioso, quando è in mezzo a un pasticcio va diritto come un fuso; se vuoi provarlo, osservalo in un bisticcio, giacché a dodici anni era già il primo mafioso. E’ mariolo, ti toglie dalla tasca il fazzoletto, che se solo lo vedi è una consolazione. Se fa il pezzente, lo sa fare a dovere, si ritrae, trema, piange. Gioca a zecchinetto come il primo cavaliere. “Chella è camorra, e s’hann’a sta cuiete/ pecché se sape ‘o fatto comme va…/Ma quann’è pe’ dispietto, fanno a pprète,/ e chi è sciaccato se fa mmedecà!/ ‘A fora ‘e chesto, ‘o core mpont’ ‘e ddete,/ ca mmiez’a lloro chesto ccà nce sta!/ Tu vai p’ ‘a famma, chillo va p’ ‘a sete,/ chi è primmo veve, magna e fa magnà./ E’ una scuglietta ‘e palatine ‘e Frangia/ fatte pe’ s’aiuta ll’uno cu ll’ato…/ ‘A jurnata nun vene? Embè, s’arrangia!/ ‘A squatra ‘e notte fa na spezzione?/ Nu scugnizzo va rinte, carcerato?/ Nun parla; pe’ lliguardo d”o bettone./ Lesto ‘e mana, capace, traseticcio,/ busciardo, mpustatore e curaggiuso,/ riale e nzisto comm’ ‘o cane riccio,/ cammurrestiello ‘e nasceta, acciaccuso,/ quanno se trova mmiez’a nu pasticcio/ sape filà deritto comm”o fuso;/ si ‘o vuò pruvà, miettelo int’a nu mpiccio,/ e a dùrice anne è ‘o primmo mafiuso./ Senza jì troppo a’ scola, è mariuolo,/ te leva ‘a dint’a sacca ‘o fazzuletto,/ ca si sultanto ‘o vide… è nu cunzuolo!/ Si fa ‘o pezzente, ‘o sape fa’ a duvere:/ s’arrogna, tremma, chiagne… ‘O zzecchinetto/ t’ ‘o joca comm’ ‘o primmo cavaliere”.