Questo sito contribuisce alla audience di

Figure di camorristi scolpite da Ferdinando Russo

'O sturente e Sciascillo, due camorristi nella poesia di Russo

Sciascillo è un uomo molto magro che dorme di giorno e lavora di notte. Ha una peculiarità, non si bisticcia mai, non minaccia, ma quando usa le mani in una rissa, colpisce violentemente e i suoi schiaffi gonfiano il viso. “‘O cchiù cuieto. Riccio ‘e capellera,/ doie spalluzzelle secche e scontrafatte,/ nu mustacciello a pile ‘e spiche. Nera/ ‘a petena d’ ‘a faccia e ll’uocchie ‘e gatte./ Dorme ‘a matina, ma fatica ‘a sera: t’ ‘o vire arrivà ‘ncuollo a ll’intrasatte…/ Nun s’appicceca mai, nun ammenaccia,/ ma quanno mena ‘e mmane int’a n’aggrisso/ tene ‘o pàccaro nzisto, a ntorzafaccia.” Un altro camorrista è detto lo studente, è dell’Arenaccia, è considerato un violento. Quando si parla di lui, molti visi diventano gialli. Quando è mattina, nel mercato della frutta, con la cravatta e la sigaretta, spunta lo studente che dà il buongiorno a tutti. Quel buongiorno vuol dire che bisogna dargli una lira per ogni carro e mezza lira per ogni cesto di frutta. “Sabbatiello ‘o Studente, int’ ‘a Renaccia/ è tenuto pe’ ccarna malamente!/ Quanno se parla attuorno d’ ‘o Sturente/ se vede giallià cchiù de na faccia…/ Quann’è ‘a matina, int’ ‘o Mercato ‘e frutte,/ cu ‘a cravascella mano e ‘a sigaretta,/ sponta ‘o Sturente e fa: Bongiorno a tutte!/ E stu bongiorno ccà te vene a di’/ ca l’ ‘e ‘a mpustà na lira ogne carretta,/ e meza lira ‘a sporta, ‘o llunnerì.”