Questo sito contribuisce alla audience di

Sfregio

"Sfregio" è una bella poesia scritta Salvatore Di Giacomo, che evoca quel tremendo reato

Lo sfregio è stato, e qualche volta è ancora, uno dei più terribili strumenti di terrore e di soggezione usati dalla camorra napoletana. Attualmente è soprattutto attuato da organizzazioni malavitose nascenti che si rifanno ai primordi di mafie italiane. Nella poesia “Sfregio” scritta da Salvatore Di Giacomo, il camorrista Gennariello, del rione Sanità, ha tagliato la faccia a Peppenella, che è stata portata all’ospedale per farsi curare. Poi l’hanno messa su una carrozzina e portata presso una sede di polizia, dove il poliziotto don Ciccio Pacella le chiede di dire la verità. Che cosa è stato, un rasoio, un coltello, giura sul crocifisso, chi ti minacciava, Gennariello? No, signore, ve lo giuro, non è stato lui. E così ancora una volta, la donna subiva e salvava dal carcere il suo protettore-fidanzato, con un atto tipico delle donne e degli uomini cosiddetti d’onore della camorra. “Ha tagliata la faccia a Peppenella/ Gennariello de la Sanità;/ che rasulata! Mo la puverella/ mo proprio è stata a farse mmedecà./ Pò ll’hanno misa ‘int’ a na carruzzella,/ è ghiuta a ll’Ispezzione a dichiarà,/ e ‘o delicato, don Ciccio Pacella,/ll’ha ditto: -Iammo! Dì la verità./ Ch’è stato, nu rasulo, nu curtiello?/ Giura primma, llà sta nu crucefisso/ (e s’ha tuccato mpont’a lu cappiello)./ Dì, nun t’ammenacciava spisso spisso?/ Chi? - rispuost’essa - Chi? Gennariello!/ No!… V’o giuro, signò! Nun è stat’isso!