Questo sito contribuisce alla audience di

La sentenza

Un sonetto di Ferdinando Russo dedicato ad un traditore della camorra, che subisce una condanna a morte da parte degli membri della società

Il sonetto di Russo è intitolato ‘A sentenza e riferisce della sentenza emessa da un tribunale della camorra in ordine ad un affiliato, che ha tradito l’organizzazione. Don Gennaro ha sbagliato, egli ha tradito e non ci possiamo più fidare di lui. Si è messo contro di noi e ha compiuto un’infamità. Oggi o domani, quando una persona ha bevuto, con la sete non può più scherzare, e don Gennaro beve e ha detto il segreto della società. Che dice il regolamento contro il traditore? Parlate chiaro. Non abbassate la testa, qui siamo tutti uomini d’onore. E così tutti i camorristi, come le capre, alzano la mano e condannano a morte il traditore. “Don Gennaro ha sgarrato! Isso ha traduto/ e nun ce ne putimmo cchiù fidà!/ Ha fatto comm’a chillo… S’è mettuto/ contrario a nui, pè fa ‘nfamità!/ Ogge o dimane, quann’uno ha bevuto,/ cu ‘a sete nun ce pò cchiù pazzià!/ e don Gennaro veve! E ha summettuto/ tutto il secreto della Società!/ che dice ‘o frieno, contro ‘o traditore?/ parlate chiaro! n’calate ‘e ccape!/ ccà simme tutte ggiuvane d’annore!/ e tutte ‘e cammuriste, vocia forte,/ appresso a ‘o capo, e comm’a tante capre/ stenneno ‘em mane, deretaine: “‘a morte!”.