Questo sito contribuisce alla audience di

Canzone guappa

Ettore Petrolini cantò "Canzone guappa", canzone di un "camurrista" che vuol far pace con la sua amata. Una cantata romantica e scellerata al tempo stesso, dove si ama e si odia nel classico stile camorristico

L’imparaggiabile maschera petroliniana ha cantato la canzone dei guappi, dei camorristi, dei malandrini napoletani. Il protagonista dice che non è più buono a far l’amore, che tutte le donne sono scellerate e che è carcerato per colpa dell’amata: per colpa tua io sto morendo qui, in carcere. Tutti gli uomini devono ingrassare e le donne morire. Facciamo pace che sei troppo bella, altrimenti l’amore va al camposanto. “‘A canzone de’ guappi, dei camurristi,/dei malandrini napuletani./ Fronne ‘e limone/ neh fronn’e limone/ non voglio fà cchiù ammore/ non so’ cchiù bbuono/ nun te vulevo mo che m’hai lassato/ ‘e femmene so’ tutte scellerate/ pz’ tte nun saccio cchiù c’aggia lassà/ i’ teng’a punizione/ so’ stato carcerato/ tutto pe mezzo tujo/ i’ sto murenno ccà./ E tiretireticche e tiretireticca/ tutti gli uommene hann’angrassà/ e tiretireticche e tiretiretacche/ tutt’e femmene hann’a crepà./ Arruculella mia/ arruculella/ facimmo pace che ssi troppo bbella/ sinnò succede c’ammore è assai birbante/ … a campusanto!/ Nunn’e sentì… ‘e gioventù/ pecché marito mio/ nunn’arrivammo cchiù!”.