Questo sito contribuisce alla audience di

La prostituta in poesia

Tre splendidi ritratti di prostitute ad opera di Giuseppe Gioacchino Belli, Olindo Guerrini e Totò

Belli (1791-1863) scrisse una poesia intitolata “La puttana sincera” dove, fra l’altro, la prostituta invoglia un cliente ad andare con lei per una moneta da tre paoli, e può ringraziare Cristo in ginocchio perchè non ha malattie veneree. “Senta, nun fò ppe dillo, ma un testone/ lei nu l’impiega male, nu l’impiega,/ e ppò rringrazzià Ccristo in ginocchione”. Guerrini (1845-1916) scrisse una poesia intitolata “Gretchen” che parla di una anziana meretrice che dà dei santini davanti alla chiesa e che ancora ricorda e si emoziona per l’unica persona importante della sua vita, Fausto. “Sull’uscio della chiesa, orrida e nera/ come le streghe che il demonio abbraccia/ vidi seder nel fango una megera,/ col marchio del bordello impresso in faccia./ Pur tra le grinfie della fattucchiera/ d’antichi fasti trasparìa la traccia,/ tal ch’io le domandai - Qual sorte fiera/ a vender santi qui, vecchia, ti caccia? -/ Fui Margherita - disse - ed a contanti/ ho venduto i miei baci e le scipite/ carezze, dopo Fausto, a mille amanti:/ ma le mie carni all’ospedal marcite/ m’hanno ridotta a vender Cristo a i santi/ per comprarmi due soldi d’acquavite.” Totò (1898-1967) scrisse “‘A mundana” dove, fra l’altro, si delinea la situazione familiare della povera donna arrestata, che ha a casa un padre malato in un letto senza lenzuola, e dove una creatura, bianca e malaticcia, ha per giocare in mano uno scarpone ed un pezzo di pane raffermo. “‘O nomme? Nun ‘o saccio./ Saccio sulo ca ‘e ccumpagne/ ‘a chiammaveno ‘a pezzente./ Pe’ sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,/ e spisse vote, nun magnava niente!/Cu’ chelle poche lire ch’abbuscava/ aveva mantene’ tutt’a famiglia;/ e quanno ‘e vvote pò… nun aizava,/steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio./ ‘O pate, vecchio, ciunco… ‘into a nu lietto/ senza lenzole, cu’ na’ cupertella./ E’a mamma ca campava pe’ dispietto/ d”a morte e d”a miseria. Puverella!/ a piede ‘o lietto, dinto a nu spurtone,/ ‘na criatura janca e malaticcia,/ pe’ pazziella ‘nmano ‘nu scarpone/ e ‘na tozzola ‘e pane sereticcio”.