Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • I magnaccia e l'onore/disonore per Pasolini

    Alcune poesie di Pier Paolo Pasolini da cui si traggono elementi sul concetto dell'onore dei delinquenti e sugli sfruttatori di donne

  • Affari e appalti secondo il mafioso Antonino Giuffrè

    Il pentito della mafia Giuffrè sta parlando anche di appalti ed altri loschi affari di Cosa Nostra

  • La nuova 'ndrangheta

    Roberto Veraldi illustra così alcune caratteristiche della nuova 'ndrangheta calabrese

  • Miserabili in poesia

    E' uscito in libreria il testo MISERABILI IN POESIA. Criminali, marginali e vittime in versi contemporanei, a cura di Giovanni Greco e Davide Monda, pubblicato dalla casa editrice Carocci di Roma, ottobre 2002, pp. 320, euro 20.50

  • Canzone guappa

    Ettore Petrolini cantò "Canzone guappa", canzone di un "camurrista" che vuol far pace con la sua amata. Una cantata romantica e scellerata al tempo stesso, dove si ama e si odia nel classico stile camorristico

  • Donne, cortigiane e prostitute ai tempi di Montaigne - 4

    Ultima parte sulle esperienze italiane di Montaigne

  • I briganti italiani al tempo di Montaigne - 2

    Ciò che vide Montaigne quando venne a visitare una parte dell'Italia, nel 1580-'81, in ordine a delinquenti e briganti

  • Nino Giuffrè "parla"

    Il numero due di Cosa Nostra, Nino Giuffrè di Caccamo, da luglio ha deciso di raccontare ciò che sa agli investigatori. Si tratta di una svolta nella lotta contro la nuova mafia siciliana, paragonabile, in sedicesimo, alle rivelazioni effettuate a suo tempo da Tommaso Buscetta

  • Il Capolavoro sconosciuto di Balzac

    E' in libreria "Il capolavoro sconosciuto" di Honorè de Balzac, nella BUR classici della Rizzoli, a cura di Giovanni Greco e Davide Monda. Un testo che riflette anche su aspetti della prostituzione, tant'è che non casualmente ha in copertina "La Maddalena" di Tiziano

  • Donne, cortigiane e prostitute ai tempi di Montaigne - 3

    Fra le prostitute veneziane emerge, nel periodo di Montaigne, la figura di una cortigiana assai bella, Veronica Franco, poetessa raffinatissima