Questo sito contribuisce alla audience di

Quasi quasi apro un B&B

I principi generali della formula del Bed & Breakfast

Secondo le norme regionali in vigore costituiscono attività ricettive a conduzione familiare tipo Bed and Breakfast le strutture ricettive gestite da privati che, avvalendosi della loro organizzazione familiare, utilizzano parte della propria abitazione, fino ad un massimo di 3 camere (l’Abruzzo e l’Emilia Romagna ne prevedono 4), fornendo alloggio e prima colazione.

L’apertura di un B&B è facile: è sufficiente recarsi presso l’Ufficio Turistico del proprio Comune di residenza (o presso lo IAT locale) e fare denuncia di inizio attività, comunicando i prezzi che si intendono praticare. Naturalmente in quella regione deve essere in vigore una legge regionale sul B&B.

Questa attività non richiede partita IVA, né alcuna autorizzazione particolare. Ai fini fiscali, infatti, secondo due risoluzioni emesse dal Ministero delle Finanze, la n° 180/e del 14/12/98 1 e la n° 155 del 13/10/2000 l’attività di B&B è fuori dal campo IVA se esercitata in modo saltuario cioè in una maniera non organizzata come impresa e non continuativa: in tal modo non dovrà emettere alcun documento fiscale all’atto del pagamento.

La procedura per aprire un B&B è, dunque, molto semplice E’ sufficiente disporre dei locale in proprietà o in affitto.