Questo sito contribuisce alla audience di

Come scegliere un corso di formazione

Autunno: tempo di corsi. Alcuni consigli utili per scegliere, e non scegliere, bene.

Le strade per specializzarsi in una professione e trovare
un’occupazione vicina alle proprie attitudini sono diverse.
Da tempo infatti, il semplice diploma, e ormai anche la stessa laurea,
rende difficile l’inserimento nel mondo del lavoro, e trovare il modo
per orientare e integrare il proprio percorso formativo diviene in
questo senso fondamentale.

A questo proposito nel corso degli ultimi anni sono apparsi un
po´ovunque master, corsi di formazione, stage, specializzazioni e
quant´altro. Ma molto spesso la loro utilitá é quanto meno
dubbia
.

ll primo consiglio, ovviamente, è quello di focalizzare l’area più
vicina ai propri interessi
. E´inutile perdere tempo, e spesso
soldi, per corsi che poi non potrebbero portare nulla di utile alla
formazione giá acquisita. L’offerta è molto ampia, direi troppo
ampia
.

Se non si hanno le idee chiare ci si puó rivolgere ad uno dei tanti
Centri per l´impiego
o agli informagiovani, vere e proprie miniere
di informazioni sui corsi tenuti nella vostra cittá, provincia e non
solo. C´é da dire´, pero´, che, tranne in alcuni casi certificati,
piu´di semplici e fredde informazioni da opuscolo i solerti impiegati
non vi sapranno dare. Di solito, uno spazio di auto-consultazione
permette di accedere al materiale relativo ai corsi di formazione
aggiornati costantemente, ai tirocini formativi in Italia e all’estero
e alle possibilità di impiego in filo diretto con le aziende. Alcuni
centri danno anche l´ulteriore possibilità di ottenere un colloquio
orientativo
puo´ aiutare a focalizzare gli obiettivi e di
conseguenza a scegliere il corso più indicato.

Altra domanda da porsi al momento della scelta dei corsi é: da chi sono
organizzati? Generalmente i corsi di formazione sono organizzati da
enti specializzati riconosciuti dalla Regione, fatto che, in
teoria
dovrebbe garantire sulla loro qualità. Preferisco parlare al
condizionale perché purtroppo la quantitá dell´offerta non é stata
pari alla qualitá della stessa
. E questa é la prima cosa a cui fare
attenzione.

E´necessario poi fare attenzione ai criteri specifici di
ammissione. Vanno, infatti, verificati i destinatari, i costi e,
soprattutto, l’eventualità di uno stage in azienda particolare
che contribuisce a qualificare enormemente il corso.

Altra domanda da porsi é: quanto possono costare i corsi di formazione?
Dipende da numerosi fattori, pertanto le oscillazioni dei prezzi sono
significative. Non è assolutamente detto che un corso gratuito o poco
costoso sia meno valido di uno più costoso. Alcuni, infatti,
beneficiano di sovvenzioni europee che permettono di abbassare i costi
di ammissione pur mantenendo intatta la qualità. Conta di piu´l´ente
organizzatore che la cifra pagata
.
Non esiste, inoltre, una durata standard per i corsi, anche se come
minimo un buon corso dovrebbe avero almeno 600 ore. Scegliere,
dunque, non è facile e buona norma è contattare sempre l’ente e
chiedere informazioni precise sul programma, sugli insegnanti e sul
profilo professionale del frequentante uscente dal corso.