Questo sito contribuisce alla audience di

I nuovi Celeron Tualatin & overclock -Parte I-

Recentemente l’ INTEL ha sviluppato i nuovi processori Celeron & Pentium III con Core Tualatin e tecnologia di produzione a 0,13 Micron. Come spesso succede, la nuova tecnologia non è supportata dagli attuali standard, e per poterla utilizzare è necessario acquistare nuove motherboards in grado di supportarla. Purtroppo, chi ha appena acquistato un Pentium III o un Celeron Coppermine, non ha possibilità di “upgradare” il sistema e si ritrova con una tecnologia ormai datata e obsoleta. Ma perché l’Intel non rende i propri prodotti duraturi nel tempo? Ogni anno siamo costretti a cambiare motherboard, ma è corretto questo atteggiamento della INTEL? Leggete l’articolo e formulate la vostra opinione.

Introduzione:Celeron Tualatin a 1.2 Ghz

Il nuovo Celeron della INTEL è stato sviluppato per offrire maggiori prestazioni e una più alta competitività con il suo più diretto concorrente, la AMD. Una tecnologia di produzione a 0,13 Micron, una Cache di secondo livello a 256 Kb e l’implementazione della funzione Data Prefetch hanno aumentato le prestazioni del nuovo processore rendendolo più appettibile e meno costoso.

Specifiche Tecniche:

Com’è cambiato il Celeron? Quali sono gli “upgrade” introdotti dalla INTEL?

I seguenti punti vi forniranno delle risposte ai quesiti proposti:
Le nuove cpu INTEL Pentium & Celeron Tualuatin, sono state sviluppate con tecnologia di produzione a 0,13 Micron. Uno spazio più piccolo del nuovo Core ha diminuito i costi di produzione e l’utilizzo di un IHS (Integrated Heat Spreader) ha migliorato notevolmente la trasmissione del calore tra superficie superiore del core e superficie inferiore del processore. L’IHS è una copertura del core del processore in metallo, in grado di diffondere il calore prodotto in una più ampia superficie e in maniera più omogenea rispetto ai precedenti processori Coppermine.
Il consumo in termini di potenza (watt) del Core è diminuito rendendo più facile il raffreddamento della cpu e più stabile il sistema ad alte frequenze di bus principale.Il voltaggio di alimentazione del core di default è impostato a 1,475V contro gli attuali 1,6-1,65 dei processori Coppermine. I voltaggi del core possono variare da 1,05 a 1,825 Volts a seconda della configurazione di cinque pins (piedini) del processore che regolano la tensione del core. Essi sono: il nuovo VID25mV, il VID3, il VID2, il VID 1, e il VID0, possono assumere lo stato di informazione 0 e 1 e le combinazioni possibili sono complessivamente 32.
Il nuovo processore della INTEL utilizza le specifiche VRM 8.5 e non le precedenti VRM 8.4. Esso introduce due nuovi segnali, il VID25mv e il segnale VTT_PWRGD utilizzato dal processore e dalla scheda madre.
Un tempo, la differenza tra i processori INTEL Celeron e i Pentium II/III era determinata da una maggiore quantità di Cache di secondo livello e da una frequenza di bus principale maggiore nei Pentium. Ora, il nuovo Celeron dispone della stessa quantità di Cache di secondo livello dei processori Pentium III Tualatin, ma la frequenza del bus principale di sistema (FSB) è superiore nei Pentium. Infatti i nuovi Celeron Tualatin funzionano a 100 Mhz di bus principale, mentre le cpu Pentium Tualuatin funzionano a 133 Mhz.
La nuova tecnologia DATA PREFETCH a cosa si riferisce?
Attraverso tale meccanismo è possibile utilizzare i dati nella cache quasi immediatamente. La cpu “prevede” i dati più probabili nell’esecuzione di future operazioni e le registra in determinati indirizzi della cache. In tal modo è possibile accedere alle informazioni quasi istantaneamente e velocizzare le operazioni della cpu. Tale metodo di “predizione dei dati” è chiamato HARDWARE PREFETCH ed è implementato nei nuovi processori Celeron.
L’aumento del numero dei piedini del processore e la diversa alimentazione hanno reso incompatibile il nuovo processore con il socket 370. Purtroppo, non è più possibile utilizzare le “vecchie” motherboards ed è necessario acquistare nuove schede madri in grado di supportare le nuove specifiche.

Pagina Successiva