Questo sito contribuisce alla audience di

Unguja

E’ il nome dell’isola delle spezie comunemente nota come Zanzibar.

src="http://thewildcat.supereva.it/Zanzibar/fortezza1.JPG" width=256 border=0>
La popolazione
discende dagli antichi mercanti omaniti, famosi per il commercio degli schiavi,
he si sono mescolati con i bantu.

Per secoli è stato
un porto notevole per gli scambi commerciali con il resto del mondo in
particolare con l’Europa e le Americhe senza
trascurare l’India.

src="http://thewildcat.supereva.it/Zanzibar/Zanzibar1.jpg" width=256 border=0>
I portoghesi
costruirono uno stupendo forte cha ancora oggi desta rispetto per la sua
imponenza e vi assicuro che passeggiando fra le mura si sente ancora l’atmosfera
coloniale.

 

All’interno della
Stone Town, la città vecchia, vi sono edifici di epoca
coloniale, alcuni dei quali sono stati trasformati in alberghi e
ristoranti.

Lo Spice
Inn
è uno di questi, se vi piace l’atmosfera   coloniale non mancate di alloggiarvi: le
camere sono arredate con mobili d’epoca ed il profumo delle spezie aleggia
nell’aria.

src="http://thewildcat.supereva.it/Zanzibar/porta.JPG" width=188 border=0>
 

Un
piacevole luogo di ritrovo è lo ZeeBar, anch’esso di epoca
coloniale e meta di numerosi turisti occidentali dove è facile fare amicizia e
trascorrere piacevolmente la serata e magari fare uno spuntino con deliziosi
piatti preparati da una speciale cuoca, una corpulenta olandese che ne è anche
la proprietaria.

 

Chissà se ancora
oggi è rimasto come quando andai io, alcuni anni or sono, tuttavia un soggiorno
nell’isola sarà sempre una piacevole vacanza.

 

logo<br src="http://thewildcat.supereva.it/cartiglio.gif" width=70>

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati