Dalla cellula all'organismo pluricellulare

La differenziazione delle prime forme pluricellulari

Una volta che apparvero sulla Terra le prime cellule eucariotiche molto più complesse ed organizzate rispetto ai primitivi batteri anaerobi chemioautotrofi fermentanti ed alle alghe azzurre, la Vita era pronta per effettuare il suo prossimo e decisivo passo nella storia dell’evoluzione: la comparsa degli organismi pluricellulari. E’ chiaro, che come per tutte le innovazioni, questo non fu un passo che avvenne dall’oggi al domani ma attraverso continue prove e tentativi ,le basi erano tuttavia state gettate.

Dalla documentazione fossile abbiamo diversi esempi di primitivi invertebrati marini ,sicuramente furono le spugne o poriferi ed i primi semplicissimi celenterati come le meduse ad essere state le prime forme pluricellulari derivando esse dall’ASSOCIAZIONE COLONIALE di più cellule specializzate in determinate funzioni biochimico-metaboliche;

le colonie attuali di coralli e madrepore ne sono un classico esempio. Questo tipo di importante unione cellulare diede luogo ai tessuti specializzati e ad organi completi che costituiscono la base strutturale dell’organismo pluricellulare. La vita coloniale da degli indubbi vantaggi sia dal punta vista dell’adattamento ambientale e dunque della sicurezza nei confronti dei predatori che sotto il profilo energetico-alimentare. Nel paleozoico superiore ebbe così inizio la prima radiazione delle forme pluricellulari in una vasta varietà
e la vita marina si arricchì ulteriomente di nuove specie. Occorre tuttavia precisare
che l’evoluzione degli invertebrati marini verso la comparsa dei nuovi ‘phyla’ come i molluschi, gli echinodermi ed i primi cordati, sarebbe continuata dal ramo principale dei celenterati mentre i poriferi per la loro semplicità strutturale avrebbero costituito un filone unico a sé stante. La vita vegetale era sempre rappresentata dalla alghe unicellulari che si erano già distinte in forme importanti come quelle del genere ‘Volvox’ e ‘Spirogira’. Le prime piante acquatiche pluricellulare erano costituite da ammassi coloniali di filamenti verdi e da altre alghe primitive senza distinzione del proprio corpo in strutture macroscopiche specializzate ,es. le attuali Tallofite. Da li a poco tempo quei primitivi vegetali avrebbero iniziato un altro fondamentale processo di adattamento evolutivo: la conquista della terraferma.

Peeplo News

Attualità e Notizie su Peeplo News.

Cercale ora!

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti