Questo sito contribuisce alla audience di

23 maggio 1992 - 23 maggio 2004

Per il 12° anniversario della Strage di Capaci, l’Albero Falcone e l’aula bunker – simbolo della vita e del lavoro di Giovanni Falcone - saranno i luoghi delle manifestazioni.

A dodici anni di distanza dalla strage di Capaci si animano con la presenza e l’impegno di tanti giovani che nelle scuole, con i loro insegnanti, giorno dopo giorno costruiscono un avvenire diverso e migliore ispirandosi al suo esempio.

La Fondazione Giovanni e Francesca Falcone partecipa a questo grande e paziente progetto alimentando le loro energie e coordinando i loro sforzi verso questo meraviglioso obbiettivo comune.

Quest’anno racconteranno la storia di Giovanni Falcone, e descriveranno come si può nascere in Sicilia, e morire per la Sicilia e per riscattare la dignità dei siciliani offesa dalla mafia. Una vicenda drammatica che non è mai stata tragedia perché non ha perso la speranza di trasformarsi in un futuro migliore.

Il racconto comincia e si sviluppa nell’aula bunker; viene interrotto da una riflessione sul ruolo e sul destino dell’Europa, per ritrovare lo spirito dei padri fondatori e divulgare la cultura dei diritti della nuova cittadinanza europea; prosegue il suo cammino creativo con il corteo che conduce all’albero Falcone, snodandosi per le vie di Palermo; e lì si conclude con una domanda semplice che segna il desiderio di una nuova stagione del rispetto e della legalità: “Giovanni, quando torni?”.

La degenerazione dei costumi di coloro che hanno potere e responsabilità nella vita pubblica, nel silenzio omissivo e colpevole di chi potrebbe arginare la devastazione morale delle nostre istituzioni, fa sentire di più la mancanza di Giovanni Falcone. In realtà sappiamo che sta già tornando.

Sta tornando nella coscienza comune di tanti giovani che, assetati di ideali e di valori civili, pur non avendolo mai conosciuto, in questi anni si sono resi disponibili per incontrarlo. Hanno voluto concludere la giornata del 23 maggio 2004 dedicandogli un concerto a piazza Magione, a Palermo, lì dove è nato. Alle 19.30 suoneranno Caparezza, Teresa De Sio e band emergenti di studenti selezionati durante la Giornata dell’Arte, organizzata dalle Consulte Provinciali degli studenti di tutta Italia.

Questi giovani sono il grande monumento a Giovanni Falcone, edificato con la coerenza dei comportamenti e la forza dei principi morali, cementati dalla loro unione. Siamo tutti grati al loro impegno disinteressato, ed al generoso sforzo di quanti vi hanno contribuito, e siamo certi che insieme sapranno rimediare a quei mali della società che oggi non trovano cura.

Le categorie della guida