Questo sito contribuisce alla audience di

Piazza Alcide De Gasperi intitolata a Papa Giovanni Paolo II

Nel giorno del 50° anniversario dei Trattati di Roma, a Palermo viene negata la memoria di uno dei padri dell'Europa Unita

Il sindaco Diego Cammarata e l’arcivescovo di Palermo, monsignor Paolo Romeo, hanno celebrato lo scorso 22 Marzo il cambio di toponimo di piazza Alcide De Gasperi che, da oggi è intitolata a Papa Giovanni Paolo II.

Alla cerimonia, organizzata dalla comunità polacca di Palermo e dall’associazione “Casa Polonia”, hanno partecipato gli assessori comunali alla Cultura, Tommaso Romano, alle Attività sociali, Cettina Bonomolo, e padre Jaroslaw Andrzejewski, missionario polacco che da diversi anni vive in città e opera nella diocesi locale.

Questi, esposti in breve, i fatti.

Adesso un’opinione, la nostra.
E’ innegabile che Papa Giovanni Paolo II sia stata una delle personalità più importanti del nostro recente passato: il suo pontificato è stato capace di imprimere nella storia un segno di forte rinnovamento che va ben oltre le semplici (ammesso che semplici possano essere) considerazioni di credo religioso e politico.
Pertanto riteniamo che fosse quasi doverosa, anche dal più laico dei punti di vista, l’intitolazione di un toponimo nella nostra città al compianto pontefice.

Però non vediamo la ragione di farlo, “scippando” uno dei padri della Repubblica.

E, aggiungendo al danno anche la beffa, di celebrare il cambio toponomastico giusto nel 50° anniversario dei Trattati di Roma, che segnarono la nascita della Comunità Europea e di cui proprio De Gasperi fu uno dei principali artefici.

Ribadiamo che siamo assolutamente favorevoli alla dedicazione di una via ad un Papa che, siamo certi, non è stato rimpiazzato nei cuori di nessuno dall’attuale pontefice, e riteniamo altresì giusto che gli si intitolasse una strada o una piazza del centro e non una anonima via di periferia (br51, os6,…), ma tra le tante vie e piazze del centro dedicate a città (agrigento, caltanissetta, trapani, napoli, bari, venezia, torino, montecarlo…), regioni (campania, lazio, liguria…) e nazioni (spagna, belgio, olanda, lussemburgo, francia…), era proprio il caso di andare a spodestare De Gasperi?

Intanto si aspetta ancora una strada dedicata a Falcone e Borsellino…

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • vincenzo

    23 Jul 2009 - 06:59 - #1
    0 punti
    Up Down

    Caro amico dimentichi che proprio adiacente alla suddetta rinominata piazza esiste un viale a nome del beneamato De Gasperi e quindi era già primariamente fuori luogo avere nella toponomastica palermitana una strada e una piazza di egual nome o no!
    Saluti!

Le categorie della guida