Questo sito contribuisce alla audience di

PREPARAZIONE - Il ruolo del riscaldamento

La pallavolo maschile differisce da quella femminile per quanto riguarda l'attacco. Grazie alla loro statura e alla loro maggiore elevazione, gli uomini possiedono un vantaggio sulle donne ....

IL RUOLO DEL RISCALDAMENTO
 

OSSERVAZIONI PRELIMINARI

La pallavolo maschile differisce da quella femminile per quanto riguarda l’attacco. Grazie alla loro statura e alla loro maggiore elevazione, gli uomini possiedono un vantaggio sulle donne poiché l’altezza della rete non presenta per loro un problema. Parallelamente, il muro appare come un elemento principale della difesa dall’attacco avversario. Gli allenatori delle squadre maschili hanno di conseguenza, focalizzato la loro attenzione su tale fatto e sviluppato tutti gli aspetti del muro.
Nella pallavolo femminile, la difesa arretrata rappresenta il centro d’interesse degli allenatori. A causa della velocità inferiore delle traiettorie delle palle, la difesa arretrata si rivela una migliore situazione per neutralizzare numerosi attacchi. Gli allenatori, coscienti di questo fenomeno, dedicano una gran parte del loro tempo al miglioramento di questa abilità. Mentre gli allenatori delle squadre maschili aggiustano spesso la difesa alle caratteristiche dell’attacco avversario (dopo aver realizzato un’analisi statistica del gioco avversario e aver fatto affidamento a questi dati), gli allenatori delle squadre femminili migliorano la cooperazione delle loro giocatrici nel sistema difensivo. Questa differenza tra la pallavolo femminile e maschile si riflette nel riscaldamento, nel corso del quale le giocatrici praticano particolarmente esercizi di difesa.

IL RISCALDAMENTO NELLE SQUADRE FEMMINILI

” Riscaldamento senza pallone: stiramenti, corse, esercizi dinamici di ginnastica, esercizi destinati al miglioramento della velocità e delle abilità che simulano, in particolare, la difesa arretrata.
” Durata: approssimativamente 15 minuti.
” Riscaldamento con pallone, a coppie. La durata di questo esercizio può variare.
” Esercizi che preparano l’attacco a rete, se possibile con servizio e ricezione. Gli esercizi sono normalmente individuali, ma più brevi e più intensi. Durata: approssimativamente 15 minuti.

Se consideriamo il riscaldamento da un punto di vista chinestesico, fisiologico, psicologico o sociale, si possono considerare i seguenti elementi.
Da un punto di vista chinestesico, gli obiettivi del riscaldamento consistono nel praticare o ripetere delle abilità motorie specifiche (difese, attacchi, servizi).
Sul piano fisiologico, si tratta di attivare gli organi interni e il sistema nervoso centrale e di migliorare l’eccitabilità neuromuscolare al fine di preparare l’organismo a prestazioni massimali, cioè ridurre il tempo di reazione e migliorare la coordinazione.
Con la realizzazione di esercizi nel corso del riscaldamento, il principale obiettivo di quest’ultimo sul piano psicologico consiste nell’aumentare la motivazione di ciascuna giocatrice per l’incontro futuro e nel promuovere una sana sensazione di fiducia in sé.
Il riscaldamento esercita un effetto dal punto di vista sociologico. Come in tutti gli sport collettivi, il riscaldamento serve a sviluppare e a stabilire dei contatti sociali che possono rivelarsi molto importanti per la prestazione della squadra.

OSSERVAZIONI CONCLUSIVE

Esistono differenze tra i diversi tipi di riscaldamento che effettuano le squadre di livello internazionale, sia maschile che femminile, osservate durante diverse manifestazioni. E’ quindi difficile definire ciò che può essere un buon o un cattivo riscaldamento, e si rivela difficile definire un riscaldamento ideale.
Per contro, il riscaldamento di ciascuna squadra corrisponde, in fin dei conti, al tipo di gioco, all’atteggiamento verso il gioco, alla mentalità, al livello di padronanza tecnica e, ultimo elemento (ma non il minore), ad un certo rituale che i giocatori hanno appreso all’inizio della loro carriera nella pallavolo. Il genere di riscaldamento può anche riflettere la scuola di pallavolo del paese o di un continente intero. Esso costituisce, fino ad un certo punto, un elemento del gioco ed esercita un’influenza sulla prestazione della squadra in gioco.

di Tiziano Marini