Questo sito contribuisce alla audience di

Bassolino a Franceschini: anche le pulci hanno la tosse

“Pur’ ‘e púlice ténono ‘a tosse”.. Con questa frase lapidaria di antica sapienza partenopea Antonio Bassolino, dal suo sito, ha risposto a Dario Franceschini che - interrogato sul[...]

“Pur’ ‘e púlice ténono ‘a tosse”.. Con questa frase lapidaria di antica sapienza partenopea Antonio Bassolino, dal suo sito, ha risposto a Dario Franceschini che - interrogato sul Presidente della Regione Campania - ha definito “chiusa” la sua stagione. Non esiste, per come la vede lui, che pensi di candidarsi a sindaco di Napoli, insomma. E’ l’inverno, a Napoli serve la primavera.

Il commento lapidario di Bassolino è piaciuto alla stampa, ma non tanto ai navigatori del sito. Se si leggono i commenti non si ha la sensazione di un popolo dietro al Governatore.

Poco più di un anno fa, al contrario, Franceschini non era così netto. Era il vice di Veltroni, e ripeteva quel che diceva il suo Segretario: che le responsabilità della situazione in Campania erano un po’ di tutti, che non sarebbe stato giusto per Bassolino lasciare durante l’emergenza rifiuti, e che anzi era un “gesto di responsabilità” rimanere in sella. Ma anche che “finita l’emergenza serva un atto di discontinuita’, che non restituisca al vecchio la citta’ e la regione, che hanno cominciato a cambiare, e che quindi vada impostata con un segno visibile una stagione nuova”.

A dir la verità che Franceschini fosse una pulce Bassolino forse lo ha scoperto da poco, perché pochi mesi fa, quando il segretario prese il posto di veltroni, disse che la scelta del vice nominato segretario era una buona idea.

Franceschini d’altra parte ha liquidato Bassolino già in marzo, quando si trattò di scegliere i candidati alle elezioni europee. Allora il Pd stabilì che se l’Amministrazione non era alla sua fine naturale non si poteva candidare il Presidente. E Bassolino non la prese bene.

Oggi non hanno preso bene le parole del Segretario i “bassoliniani”. E il candidato alla segreteria regionale del Pd per la mozione Bersani, Amendola, che è un giovane, ha ricordato a Franceschini: “La Campania vuole un partito poco litigioso. Le polemiche strumentali mi amareggiano e non mi diverte questo gioco allo scontro sulle Comunali che si terranno nel 2011. Franceschini parlava di Bassolino come dell’inverno. Per dirla con una battuta, c’erano molti maestri di sci ad applaudirlo”.

Secondo un recente sondaggio dell’Istituto Piepoli 3 campani su 4 non voterebbero oggi Antonio Bassolino. Il centrosinistra potrebbe vincere se si alleasse con l’Udc e se presentasse come suo candidato l’attuale sindaco di Salerno Vincenzo de Luca. E comunque persino l’assessore ai Trasporti farebbe meglio di Bassolino.

Infine, Bassolino appoggia Bersani alla segreteria nazionale. E in Campania gli iscritti sono parecchi.