Omocisteina. Il nemico sconosciuto

Pochi hanno ancora sentito parlare di questa sostanza, che svolge un ruolo importante in quasi tutte le malattie croniche e nell’invecchiamento precoce. Il controllo della quantità di omocisteina presente nel sangue, come sostengono alcuni, sarebbe altrettanto, se non ancora più importante, di quello del colesterolo.

[Nota: Pui ricercare altri interessanti articoli dalla homepage della Guida Malattie Croniche. Potresti trovare notizie di tuo interesse sulla Guida di Naturopatia e Fitoterapia. Guarda anche le tante Guide che abbiamo.]

Un tasso troppo elevato di omocisteina sarebbe infatti una causa (o un indicatore -le opinioni in proposito divergono) concomitante, se non esclusiva, di molte tra le malattie più preoccupanti e diffuse, e cioè tutte quelle che colpiscono il sistema cardiocircolatorio (ipertensione, arteriosclerosi, infarti, ischemie) e inoltre diabete, depressione, impotenza, osteoporosi, emicrania, problemi di digestione, di vista ed altro.
L’omocisteina è una sostanza prodotta normalmente nell’organismo a seguito della metabolizzazione dell’aminoacido metionina; in un organismo ben funzionante l’omocisteina è ritrasformata di nuovo in metionina, ed in questo processo sono prodotte altre due sostanze che hanno un’importanza essenziale per la salute, la SAMe (nota per la sua efficacia antidepressiva, antiartritica ed epatoprotettiva) ed il glutatione (antiossidante e disintossicante della massima importanza); se questo processo di riconversione non avviene in modo sufficiente, queste due sostanze essenziali vengono a mancare all’organismo.
L’omocisteina è stata scoperta fin dal 1968 dal dr. McCully, che stava effettuando ricerche su una rara malattia genetica, l’iperomocisteinuria. Ai bambini colpiti da questa malattia manca l’enzima che trasforma la tossica omocisteina in una sostanza innocua, e questi bambini in genere morivano in giovane età a causa di infarti o colpi apoplettici. Le teorie del Dr.McCully sul danno derivante dall’eccesso di omocisteina non solo nei colpiti da questa rara malattia genetica ma in una buona parte della popolazione hanno dapprima incontrato una notevole resistenza negli ambienti medici. Solo nel 1992 le sue teorie sono state messe alla prova ed hanno trovato conferma in studi su larga scala con la partecipazione di 14.000 medici.
Controlli a campione hanno dimostrato che più del 50% delle persone di una certa età, in particolare se fumatori o già in non buona salute, ha valori di omocisteina troppo elevati. Ciò nonostante l’accertamento della quantità di omocisteina nel sangue non è ancora tra i test normalmente prescritti nel corso degli esami medici di controllo.
E’veramente peccato, perché si tratta di un indicatore importante che può mettere all’erta quanto ai rischi di patologie cardiovascolari.
Tra i rimedi da mettere in atto nell’eventualità che il tasso di omocisteina risulti troppo elevato, i principali sono i seguenti: per ritrasformare l’omocisteina in metionina l’organismo ha bisogno in particolare di alcune vitamine del gruppo B. Può succedere che queste vitamine non siano presenti in quantità sufficiente, o a causa di una predisposizione genetica che fa sì che ne occorra una maggiore quantità per trasformare tutta l’omocisteina prodotta, oppure, nei casi più frequenti, a causa della generale carenza di vitamine B nel nostro attuale modo poco sano di mangiare oppure perché sono presenti altre cause o fattori nocivi che innalzano il fabbisogno di queste vitamine (fumo, diabete, vita sedentaria ecc.) Attenzione però: ingurgitare qualche vitamina B in modo isolato e in proporzioni cervellotiche può essere controproducente ed aggravare la situazione. Le vitamine B che hanno dimostrato efficacia nell’abbassare l’omocisteina e che vanno assunte contemporaneamente sono la vitamina B6 (100 mg), B12 (100 microgrammi) e folato (1000 microgrammi). Vale comunque anche in questo caso la raccomandazione generale di non procedere da soli ma di consultare un medico esperto in questa tematica.
Per chi desideri approfondire l’argomento vi sono ormai alcune pagine web in italiano ma il sito più completo, con tutte le scoperte più recenti, che si susseguono a ritmo accelerato, è il seguente, in inglese: www.homocysteine.net

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • giuseppe73

    03 Oct 2008 - 11:03 - #1
    0 punti
    Up Down

    Salve,chi vi scrive ha 35 anni e svolge l’attivita’ di impiegato,soffre di ipercolesterolemia familiare (sanza farmaci il valore supera 250), e non per caso mio padre e’ deceduto all’eta’ di 41 anni.Mi curo con il Torvast e, da pochi mesi, controllo i valori dell’omocisteina (che risultano oltre il limite)prendendo il Normocis.Vorrei sapere se le misure di prevenzione da me attuate sono sufficenti a tenere basso o nullo il mio livello di rischio a malattie cardiovascolari o ictus sottolineando che sono in regime di dieta mediterranea(poche fritture ed insaccati).

  • giuseppe

    20 Oct 2008 - 18:30 - #2
    0 punti
    Up Down

    salve sono giuseppe 40 anni soffro di mal di testa soprattutto al risveglio da circa nove mesi dopo aver eseguito tantissimi esami ci siamo accorti da due giorni che l’omocisteina ha un valore di 15 (range 5-15) puo’ questo valore influire? quale’ la cura?

  • RONDI MARINA

    20 May 2010 - 11:55 - #3
    0 punti
    Up Down

    Ho effettuato vari accertamenti medici per un problema inatteso di occlusione vena della retina.
    Gli esami ecodopler carotidi,ecocardiogramma,esami del sangue sono nella norma. Si evidenzia un livello 37 di omocisteina.
    Avendo la spondilite anchilosante da parecchi anni ho fatto una visita con il mio reumatologo -ematologo,il quale mi riferisce la non correlazione tra la mia patologia(spondilite) e quanto successo.
    Gli ho fatto presente il tasso elevato di omocisteina, ma secondo lui non indicativo per quanto mi è successo.
    L’oculista mi sta chiaramente curando il problema all’occhio,mentre per il resto non so come comportarmi,visto che le uniche indicazioni le ho trovate sul sito internet.
    Avete qualche suggerimento? In attesa vi ringrazio per le eventuali informazioni.

  • Bambolina811

    11 Jun 2010 - 13:39 - #4
    0 punti
    Up Down

    Salve, ho 28 anni e da 6 anni ho scoperto di avere l’omocisteina altissima (su un range di 30 superava i 100)e mi sto curando con acido folico e vitamine del gruppo B.
    Ho notato che anche solo assumendo l’acido folico riesco a stare bene.
    Dovrò prenderlo a vita?Cosa puo’ comportare questo valore così alto per una donna?
    Grazie

  • agostino

    17 Jul 2010 - 13:47 - #5
    0 punti
    Up Down

    salve ho 28 anni, e da poco ho scoperto di avere un alto livello di omocisteina nel sangue.
    Prima di avere la bella notizia, ho sempre fatto una dieta sana ricca di frutta e verdura, solo duecose posso lamentare:
    1)una vita un po sedentaria
    2)fumo,
    ma come e possibile avere un livello maggiore di 50 se faccio un’alimentazione corretta?(da 96kg a 86kg)
    cmq la terapia adottata acido folico, cardio aspirina, dobetin 5000

  • salvatore

    29 Dec 2010 - 16:44 - #6
    0 punti
    Up Down

    ho scoperto di essere malato di questa malattia, ovvero ho l` omocisteina alta,ed e` vero che soffro i ipertensione, avvolte come depresso, per altro mi sembra di essere stanco ,ed ho avuto nel 2007 una trombosi alla vena Porta del fegato, Ora mi domando, ma il medico curante mio, sapendo la mia malattia ,non mi ha dato nessuna cura specifica, cosa vuole dire ? Non esiste medicinale, cosi debbo morire ? Grazie anche se non sapete darmi una risposta.

  • rosaria

    17 Jan 2011 - 09:44 - #7
    0 punti
    Up Down

    salve ho 43 anni e da quasi 4 anni ho un anemia dovuta alle abbondanti mestruazioni. il mio ginecologo mi ha prescritto la pillola e prima di assumerla ho fatto alcuni esami del sangue, ma quello dell’omocisteina non me l’ha prescritta. mi devo preoccupare? per l’anemia quasi cronica di tanto in tanto faccio le flebo di ferro,poichè quello in capsule mi da noia allo stomaco, ma i valori riscendono dopo una o due mestruazione. sono disperata anche perchè la pillola dopo due mesi la devo interrompere per i tanti effetti collaterali che mi da.la mia domanda è questa: non sarà mica anche il valore alto della omocisteina a darmi problemi di anemia, visto che soffro anche di gastrite cronica? grazie per un eventuale risposta

Peeplo Engine

Un motore di ricerca nuovo, ricco e approfondito.

Inizia ora le tue ricerche su Peeplo.