Test di "nutrigenomica" per trovare la dieta ideale per ognuno

E' ora possibile arrivare, in base ad un nuovo modernissimo tipo di test,ad una nutrizione tagliata su misura per i geni di ognuno; si tratta di una delle misure preventive più efficaci per conservare la salute e prevenire le malattie per le quali vi sia una predisposizione. LA "NUTRIGENOMICA" è l’applicazione pratica al campo dell’ alimentazione dei progressi realizzati nella scienza della genetica, progressi che già ora rendono possibile accertare quale sia la nutrizione migliore per ogni singolo individuo, in base a nuovi, moderni test genetici dal prezzo accessibile

Il completamento, avvenuto alcuni anni fa, della mappa genetica dell’uomo, sta rivoluzionando la medicina, consentendo, in modo inimmaginabile fino a pochi anni fa, di individuare la strategia migliore per prevenire molte malattie e ritardare gli acciacchi della vecchiaia. In particolare è ora possibile, con un test genetico, stabilire in modo individuale quali siano i cibi più sani per ognuno e quelli invece da evitare. Sarebbe possibile analizzare migliaia di variazioni (”polimorfismi genetici”) ma questi test si concentrano solo su poche dozzine di variazioni: quelle che consentono di individuare dei problemi che è possibile prevenire con misure concrete (diete e integratori, medicine e sostanze da evitare ecc.), e non su quelle riguardanti futuri eventuali problemi per prevenire i quali non si potrebbe comunque far nulla allo stato attuale delle conoscenze.

Mentre ormai ognuno si rende conto che la base non solo della linea snella ma anche della salute dipende in buona parte dal modo in cui ci si alimenta ogni giorno, vi è tuttavia una grande incertezza su quelli che sono gli alimenti da mangiare/non mangiare. Chi sostiene la superiorità di una dieta vegetariana, chi insiste sul “tutto crudo”, chi sulla dieta “Atkins”, chi sulla “South Beach Diet” e cosí via. Tutti conoscono in realtà persone che raggiungono gli 80-90 anni mangiando cibi ritenuti “poco sani” ed altri che si ammalano ancora giovani pur con una dieta “sana”. Una dieta che dà benefici eccezionali in alcuni spesso non produce alcun effetto in altri, e così via.

Dopo aver approfondito l’argomento per anni, sono arrivata alla conclusione che mentre vi sono ovviamente alcuni (pochi!) consigli che valgono per tutti, (evitare gli eccessi e mangiare di meno; cercare di assumere gli alimenti nello stato più naturale possibile, evitando additivi, conservanti ecc.) l’uomo presenta un forte individualismo ed occorre, in base alla costituzione fisica,  discendenza etnica, circostanze di vita e climatiche, tipo di lavoro, anamnesi ecc.,  ricercare quale sia il tipo migliore di alimentazione per ognuno.  Occorre una ricerca a fondo, con test diagnostici avanzati su ogni singola persona, per stabilire quali sia il rapporto tra ogni individuo ed i singoli cibi.
Un passo nella direzione di un miglior adattamento della dieta alla costituzione delle persone è stato fatto con l’individuazione di diete adatte per determinati gruppi di persone, (come ad esempio la dieta diversa a seconda dei 4 gruppi sanguigni ); un altro passo avantiutile progresso è costituito dal test delle intolleranza alimentari, basato su seri sistemi scientifici (esame igG).Questo test rispecchia però soprattutto la situazione del momento, indicando i cibi da evitare per un certo periodo, mentre in realtà oggi, grazie ai progressi effettuati nel campo della genetica, è possibile stabilire quali siano i cibi permanentemente più adatti, per ogni singola persona, nella quale promuovono la miglior possibile salute.

La nutrigenomica è un campo relativamente nuovo della medicina molecolare, che esamina i rapporti tra la nutrizione e la costellazione genetica individuale propria di ognuno, arrivando alla conclusione che, con le poche eccezioni di cui ho detto sopra, non esiste una alimentazione ottimale per tutti: così ad esempio il pesce, in genere consigliato, è in effetti ottimo per molti ma alcuni dovrebbero evitarlo. Determinati cibi, poco sani per ognuno, per alcuni sono ancor più dannosi e pericolosi e quindi da evitare in modo assoluto.

L’alimentazione ottimale è quella tagliata su misura per la costellazione genetica di ognuno. Un test genetico fatto bene, i cui risultati siano interpretati da un medico esperto in questo campo, prende in esame almeno una dozzina di “polimorfismi genetici”(piccole variazioni dei geni di ognuno, che lo portano a reagire in modo diverso all’ambiente circostante, ed il cibo costituisce un continuo e strettissimo contatto con “l’ambiente circostante”) che potrebbero condurre a determinate malattie che possono invece essere prevenute se si cambia l’alimentazione in modo coerente con i risultati del test. Questo tipo di test è ormai diffuso negli Stati Uniti, dove il kit necessario per effettuarlo è venduto persino nei supermercati, ma devo mettere in guardia contro il “fai da te” e contro test effettuati in modo superficiale, i cui risultati non siano interpretati da un medico esperto. Vi sono invece alcuni laboratori tedeschi ed austriaci, che effettuano dei test che, pur costando un po’ di più di quelli americani, sono più approfonditi e mi hanno consentito di arrivare a risultati molto migliori.

Con questo test “nutrigenomico” è possibile individuare, prima ancora che diano luogo a fenomeni di intolleranza/allergia/ malattia/ gli alimenti da evitare, e scegliere la dieta veramente “tagliata su misura” per ognuno.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)

Iolowcost

Una vita a basso costo?

Visita subito il nostro portale!