Questo sito contribuisce alla audience di

Diabete.Accertata carenza vit. B1 in caso di complicazioni .

Uno studio pubblicato il 4 agosto sul periodico "Diabetologia" ha accertato l'esistenza di una grave carenza di tiamina (vitamina B1) in diabetici affetti da complicazioni, sia micro che macrovascolari. Oltre due anni fa consigliavo in questa Guida ai diabetici, contro le complicazioni, di prendere in considerazione l'assunzione di una speciale forma di vitamina B1....

Uno studio dal titolo “High prevalence of low plasma thiamine concentration in diabetes linked to a marker of vascular disease” (”Elevata prevalenza di bassa concentrazione di tiamina nel plasma nel diabete, collegata ad un indicatore di malattie vascolari”), un gruppo di ricercatori dell’Università di Warwick, guidato dal prof.Paul Thornalley, ha stabilito in modo “conclusivo” che la carenza di tiamina (vitamina B1) può essere la chiave dei problemi vscolari di cui soffrono numerosi diabetici. Ha anche scoperto il mistero del motivo per cui questa carenza di tiamina era restata nascosta e non scoperta finora: la notevole carenza di tiamina riscontrata (76% nei diabetici di tipo 1 e 75% nei diabetici di tipo 2 considerati nello studio), era finora rimasta nascosta perché i modi consueti per accertare i livelli di tiamina consistevano nel misurare l’attività di un enzima chiamato transchetolasi nei globuli rossi del sangue. Negli studi precedenti si era constatata una normale attività di questo enzima mentre in realtà questa normalità era causata solo da meccanismi compensatori scatenati dalla mancanza di tiamina nell’organismo. I ricercatori hanno accertato che il basso livllo di tiamina nei diabetici esaminati nello studio non era causato da una carenza di tiamina (vitamina B1) nell’alimentazione, ma da un aumento anormale della rimozione di questa sostanza dal sangue all’urina.

Anche se i risultati di questo studio sono indubbiamente interessanti e, come detto dai ricercatori, “conclusivi”, vorrei ricordare che vi erano già, a seguito di studi precedenti, se non “prove” per lo meno “forti indizi” quanto all’utilità di alcune forme di vitamine B per prevenire/rallentare le complicaizoni del diabete. A questo proposito vorrei ricordare quanto scrivevo in un mio intervento su questa Guida di oltre due anni fa, in cui riferivo gli effetti favorevoli constatati, contro le complicazioni del diabete, a seguito dell’assunzione di una forma speciale di vitamina B1, la Benfotiamina, e di una forma speciale di vitamina B6, la Piridossamina. A questo punto posso solo ripetere quanto scrivevo due anni fa, e cioè, in caso di diabete, di prendere in considerazione l’assunzione di queste vitamine, con la seguente raccomandazione: “Attenzione: dati gli aspetti problematici e delicati del diabete ripeto qui, con enfasi ancor maggiore, l’avviso che scrivo sempre: questa Guida ha solo scopo informativo-divulgativo di carattere generale. Ogni ammalato è un caso singolo a parte e quindi prima di assumere le sostanze menzionate nei miei interventi, anche se naturali, occorre consultare il proprio medico, che solo può valutare le possibili conseguenze ed eventuali interazioni con altri farmaci”