Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • Vulcano. Pericoli per la salute?

    L'eruzione del vlucano in Islanda ha tenuto nei giorni scorsi con il fiato in sospeso tutti quelli che dovevano viaggiare in aereo. Pochi tuttavia si sono chiesti se e quali pericoli per la salute possono derivare dalle ceneri che, dopo aver ostacolato il traffico aereo, ritornano sulla terra ( nel terreno, nelle piante che mangiamo e nelle carni degli animali nutriti con queste piante e nell'acqua che beviamo) con la pioggia o vengono inalate. Si tratta di un argomento sul quale occorrerebbero maggiori ricerche, ma un effetto negativo mi sembra da prendere già ora in considerazione, per prendere le contromisure appropriate...

  • Rame e grassi "trans"

    Sembrerà forse strano vedere un intervento intitolato „rame“ nella categoria dei „veleni e fattori nocivi“ (quanto ai grassi "trans" probabilmente non ne avrete sentito parlare perché non sono in genere indicati sulle etichette alimentari!) Il rame infatti è considerato un minerale importante e per la salute, e in quanto tale è contenuto anche in numerosi integratori alimentari.

  • Metalli pesanti e malattie neurologiche (in particolare SLA)

    Anche se non è certo possibile pensare che un accumulo di metalli pesanti sia LA causa unica di numerose patologie del sistema nervoso, compresa la SLA (sarebbero necessari ulteriori studi sull'argomento), potrebbe trattarsi di un fattore negativo che si associa ad altre influenze nocive, aggravandole, oppure che peggiora uno stato di malattia già esistente. Cercare di accertare se vi sia un eventuale eccesso, eliminarlo almeno parzialmente e cercare perlomeno di evitare ulteriori accumuli non può che far bene.

  • Avvelenamento sottile da metalli pesanti e terapia chelante

    Un ruolo importante è svolto nelle malattie croniche dalla presenza nell'organismo di tracce di metalli pesanti. Se si considera che negli scheletri delle persone morte recentemente si trova in genere una quantità di piombo 500 volte (!) superiore a quella che si trova negli scheletri di persone morte 100 anni fa, se ne può dedurre che l’ inquinamento dell’ambiente in cui viviamo fa sì che tutti siano più o meno intossicati da eccessivi accumuli di metalli pesanti.