Questo sito contribuisce alla audience di

Praiano - Festa della Tradizione 2009

La positiva considerazione di cui gode il Festival della Tradizione di Praiano è un dato riconosciuto e ben documentato. Senza ricorrere a finanziamenti faraonici, quasi sempre assegnati sulla base di[...]

suoni della tradizione


La positiva considerazione di cui gode il Festival della Tradizione di Praiano è un dato riconosciuto e ben documentato. Senza ricorrere a finanziamenti faraonici, quasi sempre assegnati sulla base di fragili espedienti, il Festival di Praiano continua a reggersi su un principio molto semplice: l’esposizione e la trasmissione di idee e sentimenti di forte impatto attraverso la musica di genere tradizionale, intesa come linguaggio universale e fonte di energia vitale che interagisce fra coloro che sono in grado di ricevere e di dare.
I tentativi di emulazione che riscontriamo nel territorio costiero hanno generalmente vita breve poichè, com’è facile constatare, soffrono dell’assenza di un’idea conduttrice e della giusta serenità decisionale, quindi, tolta l’effimera felicità dell’occasione birraiola, non lasciano alcuna traccia.
Praiano, al contrario, prosegue sul cammino della consapevolezza e non abbandona la strada della sincerità, e lo sa bene il suo pubblico, che ormai conta presenze fisse fra cui quella, prestigiosissima, di Gianni Menichetti, lo straordinario artista eremita del Vallone Porto di Positano.
Il programma dell’edizione 2009 prevede artisti consacrati dai media e, per questo, resi un po’ più “leggeri” nell’immagine e nel linguaggio, artisti che si mettono in gioco rappresentando i risultati della loro ricerca personale, e testimonianze di musicisti anziani e giovani che mirano alla continuità e allo sviluppo delle tradizioni musicali delle rispettive aree folcloriche in armonia con le complessità dettate dalle condizioni materiali e spirituali dei nostri tempi.

Antonio Porpora Anastasio
direttore artisticoFestival della tradizione 2009

Praiano (SA)


Venerdì 21 agosto 2009, ore 22.00

Piazza San Luca

Cantori di Monte Sant’Angelo
‘Nfanne ‘Nfanne
serenate, canti a distesa e tarantelle del Gargano


Giovanni Notarangelo
voce, chitarra classica
Michele Diurno voce, violino a sonagli
Francesco Notarangelo voce, castagnole
Paolo Rinaldi voce
Francesco Lauriola voce
Peppe Totaro voce, chitarre
Matteo Ortuso voce, chitarra battente
Matteo Merla fisarmonica
Roberto Menonna voce, tammorra
Carmela Taronna danza

cantori di monte santangelo

«‘Nfanne ‘nfanne» è l’espressione onomatopeica della zona di Monte Sant’Angelo che si pronuncia quando si fa saltellare un bimbo sulle ginocchia.
I Cantori di Monte Sant’Angelo sono fra i più autentici depositari della tradizione musicale della loro terra. Il loro repertorio si compone di serenate, tarantelle e canti “alla stesa” caratterizzati dall’accompagnamento della chitarra battente, la cui sonorità è capace di evocare i magici scenari del passato e di scandire ritmi che rimandano alla grande vocazione contemporanea della musica etnica.
Il gruppo si avvale della collaborazione dei “Tarantula Garganica”, un gruppo formato da giovani musicisti di Monte Sant’Angelo, già ospite del Festival della Tradizione di Praiano nell’estate del 2005, del quale abbiamo già lodato la purezza d’intenti, la compostezza e la solida inventiva che lo collocano molto al di là della semplice “riproposta”.
Il concerto del gruppo dei Cantori di Monte Sant’Angelo, formato dai cinque portatori anziani e dai giovani musicisti dei Tarantula Garganica, costituisce un chiaro esempio della continuità della musica tradizionale e vede realizzato l’auspicio dei Cantori: essere d’impulso per i giovani, al fine di custodire e tramandare le tradizioni popolari che essi stessi hanno ereditato.

Prossimo Appuntamento:

Venerdì 28 Agosto 2009, ore 12.

Grotta di Suppraiano– Praiano (SA)


Raffaello Simeoni
e Mater Sabina

“Mi sono rimesso in cammino. Perché questa è la storia di Mater Sabina, è la tradizione della mia terra segnata da tanti percorsi, nel cuore profondo d’Italia.”

INFO:089 874557