Questo sito contribuisce alla audience di

Arte e tè - Gli affreschi di Trescore

Sarà il professor Maurizio Cambi il relatore del terzo incontro della rassegna "Arte e tè" organizzata dalle sorelle Belardo alla Libreria Caffè Jonathan Livingstone di Sant'Agnello e dedicata al ciclo di affreschi di Lorenzo Lotto, venerdi' 5 marzo alle ore 18.


Libreria Caffè Jonathan Livingstone
via M.Crawford n.21-23 - 80065 - SANT’AGNELLO (NA)
Tel: 081 8075831 - Fax: 081 5324377
email: info@ilgabbianojl.it

Descritto spesso come uno spirito romantico, per l’estrema sensibilità e inquietudine caratteriale, nonché peril suo peregrinare da una parte all’altra dell’Italia, Lorenzo Lotto nacque a Venezia probabilmente intorno al 1480, ma operò soprattutto lontano dalla sua città d’origine, ovvero in Lombardia, a Roma, nelle Marche, per lo più nei centri minori della provincia che nelle capitali. Non si hanno notizie precise in merito agli anni della sua formazione, che, sulla base dello stile delle opere giovanili, si ritiene abbia avuto luogo nella città lagunare, probabilmente nella bottega dei Vivarini, anche se frequenti, nella sua opera, appaiono i rimandi alla pittura di Giovanni Bellini.

Il ciclo di affreschi di Lorenzo Lotto adorna la cappella Suardi, nel parco adiacente alla statale del Tonale.

La chiesa dedicata alle Sante Barbara e Brigida, all’interno del parco della villa Suardi, è stata costruita per volontà dei cugini Giovan Battista e Maffeo alla fine del secolo XV e, nel 1524, fu interamente affrescata da Lorenzo Lotto, ad eccezione dell’abside (che è opera anonima, ma di importanza notevole per la storia dell’edificio e della famiglia di Giovan Battista Suardi che vi è ritratta).
Il pittore venne a Trescore chiamato direttamente da Giovan Battista, uno degli ispiratori dei soggetti per le tarsie del coro di S. Maria Maggiore di Bergamo, ai quali il Lotto stava in quel tempo lavorando; nella chiesa parrocchiale di Trescore Balneario dipinse anche una cappella con le storie di S. Rocco, andata purtroppo distrutta nel XVIII secolo.

Maurizio Cambi
è professore associato di Storia della filosofia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Salerno.
Ha pubblicato numerosi saggi ed articoli su temi ed autori della cultura moderna. È autore di due volumi: Il prezzo della perfezione. Diritto reati e pene nelle utopie dal 1516 al 1627 (1996) sul disciplinamento nelle scritture utopiche, e La machina del discorso. Retorica e lullismo nelle opere latine di Giordano Bruno (2002), sul lullismo di Bruno.