Questo sito contribuisce alla audience di

Il Politecnico di Torino primo in Italia

Il Politecnico di Torino al vertice nella valutazione per l'assegnazione della quota di finanziamento ordinaria.

Politecnico di TorinoI tecnici del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca hanno inviato a tutti gli atenei statali i risultati del procedimento di valutazione per la suddivisione del Fondo di Funzionamento Ordinario, il cui ammontare totale relativo agli incentivi per il 2010 è stato di 720 milioni di euro.

Al vertice, con il maggior numero di incentivi, derivanti da un elevato punteggio nella valutazione, si trova il Politecnico di Torino, seguito dalla veneziana Ca’ Foscari e da Trento.

Nell’ateneo torinese, il cui Rettore è il prof. Francesco Profumo, i risultati di ricerca e didattica offrono il 16,6% del totale dell’assegno statale, una quota più che doppia rispetto a quella che caratterizza le università a fondo classifica.

La graduatoria si chiude con l’ateneo di Messina, e anche nel 2010 sono le università del Centro-Sud a mostrare le performance più opache.

Nel determinare il giudizio viene considerata soprattutto l’attività di ricerca (con un “peso” del 66%), mentre la didattica ha un peso sul totale solo pari al 34%.

Riguardo alla ricerca, i principali parametri di valutazione sono: il successo dei docenti nei progetti di ricerca di interesse nazionale, i giudizi del comitato di valutazione della ricerca, il successo nella raccolta di fondi internazionali e la partecipazione ai progetti per giovani ricercatori.

Nella valutazione didattica, invece, gli indicatori principali sono il numero di studenti attivi («domanda») e i crediti da loro ottenuti sul totale di quelli previsti («risultati»).