Questo sito contribuisce alla audience di

Medium e solventi: l'elenco completo

Eh sì, sono tanti, ma non preoccupatevi perchè non dovrete usarli tutti: una volta individuata la tecnica che vi si addice vi basteranno un paio di queste boccettine!

Essenza di trementina - Liquido ambrato dal caratteristico odore, ottenuto dalla distillazione di resine vegetali e usato soprattutto come solvente, per la pulizia di pennelli e attrezzi, ma anche per diluire il colore nelle tecniche tradizionali.

Essenza grassa - L’essenza di trementina lasciata all’aria tende a concentrarsi in una sostanza oleosa, l’essenza grassa, che è impiegata come medium per impastare il colore in polvere nella tecnica di pittura tradizionale.

Essenza di lavanda - Liquido profumato di origine vegetale  che, aggiunto al colore impastato con essenza grassa, ne rallenta l’essicazione facilitandone la stesura. Trova l’impiego ideale nelle tecniche di tamponato.

Olio di copaiva - Estratto da una pianta medicinale è usato in alternativa al binomio “essenza grassa+lavanda” nelle tecniche tradizionali perchè è un medium che asciuga molto lentamente.

Olio molle - Anch’esso di origine vegetale è il protagonista assoluto delle tecniche impressionista e square shaders, dove viene utilizzato tanto come medium che come solvente. Il colore impastato con olio molle non asciuga mai -se non con la cottura!- permettendo il ritocco del decoro anche a distanza di molto tempo.

Olio di garofano - E’ una “sciccheria” (visto il costo!) che taluni decoratori si permettono come alternativa all’essenza di lavanda: è un estratto vegetale che rallenta l’essicazione del colore.

Olio di anice - Chiamato anche olio da delineo identificandone così l’impiego principale che si attua nelle tecniche di decoro a pennino, perchè permette di diluire il colore fino a fargli assumere la consistenza di un inchiostro.

Medium all’acqua - Si tratta, come chiarisce il nome, di un prodotto idrosolubile che potrebbe sostituire i medium tradizionali con il vantaggio di richiedere solo acqua come diluente. In realtà non è molto diffuso ed è utilizzato quasi esclusivamente nei casi d’intolleranza soggettiva agli altri medium .

Diluente per oro - Come specifica il suo nome è un solvete utilizzato per fluidificare l’oro liquido senza alterarlo e per pulire i pennelli dopo la doratura.

Diluente per lustri - Come l’oro anche i lustri rischiano di rovinarsi se mescolati con altre sostanze, quindi volendo allungarli dobbiamo usare un composto specifico.

Alcool - In realtà non è nè un medium nè un solvente ma l’ho aggiunto all’elenco perchè è il pulitore universale di tutti i decoratori: serve a sgrassare le superfici ceramiche prima della pittura, a pulire gli attrezzi e il piano di lavoro, a togliere le macchie di colore dalle mani…..insomma non può mancare nel vostro corredo d’artisti!

Ultimi interventi

Vedi tutti