Questo sito contribuisce alla audience di

Sfumare a pennello

E' la prima cosa che il maestro cerca d'insegnare nei corsi di decorazione....ed è l'ultima che l'allievo impara a fare bene!

Nelle tecniche tradizionali, dove l’impasto del colore è ottenuto miscelando la polvere da terzo fuoco con essenza grassa e trementina, le modalità per ottenere il decoro sono essenzialmente due: comporre il motivo con piccole pennellate consecutive oppure eseguire il disegno a pennino e successivamente colorarne l’interno con il pennello.

Mentre nel primo caso il segno delle pennellate non disturba, anzi fa parte delle caratteristiche proprie del decoro, nel secondo caso, quando le aree da colorare sono più vaste, è importante che la stesura del colore sia uniforme e priva di antiestetiche striature.

Per ottenere tale risultato è necessario ricorrere all’uso combinato di due pennelli: il tradizionale pennello tondo in martora (di misura proporzionata all’area da dipingere) per stendere la tinta sulle zone delimitate dal pennino, e un pennello più morbido e corposo in pelo di capra, il cosiddetto bombasino, per “tirare” il colore (come si dice in gergo) e far sparire i segni delle pennellate.

Il procedimento è semplice da descrivere: dopo aver steso il colore con il pennello in martora si usa il bombasino asciutto per sfumare………semplice da descrivere ma non altrettando da eseguire! Occorre infatti avere mano molto leggera per non rischiare di asportare parti di colore ed essere al tempo stesso abbastanza veloci da eseguire lo sfumato prima che la tinta si secchi (eventualmente si può prolungarne il tempo d’asciugatura aggiungendo qualche goccia di lavanda all’impasto).

Importante è anche conservare il bombasino sempre ben pulito ed asciutto, ricorrendo ad una pezzuola o a del panno carta sui quali strofinare il pennello dopo ogni sfumata.

All’inizio tirare il colore può risultare un po’ complicato perchè non si sono ancora acquisite la necessaria prontezza nel cambio di pennello e la giusta pressione della mano, però facendo esercizio costante alla fine s’impara e…senza danno, visto che, se il risultato non ci soddisfa, basta una passata con alcool per cancellare tutto e ricominciare da capo!

Ultimi interventi

Vedi tutti