Questo sito contribuisce alla audience di

Plantari venduti a distanza ATTENZIONE!!!!

Questa comunicazione è rivolta soprattutto al cittadino, perchè i colleghi conoscono bene l'argomento, possiamo definitla pubblicità furviante o ingannevole. Parliamo del plantare, un dispositivo medico su misura, oggi tanto in voga e ribattezzato come la panacea di tutti i mali dell'individuo. Ricordo ai lettori che per poter produre e commercializzare questi dispositivi medici, occorre essere registrati come fabbricanti presso il Ministero della Salute. Nel sito del ministero è possibile visionare la lista dei fabbricanti.

E’ vero….. il plantare ha il suo effetto ed i suoi benefici, sia per il piede che per il resto del corpo.

Ciò che tralasciano queste inserzioni di vendita, tranne una che affronteremo nel dettaglio più avanti, è la non validità di un prodotto standard nella diversità dei piedi anche all’interno di una stessa patologia. Cercherò di essere più chiaro.

Se due individui hanno la stessa patologia (piede piatto), non è detto che la soluzione plantare sia la stessa. Infatti esistono diversi tipi di piede piatto, come esistono diversi gradi di piattismo, come non è possibile dare la stessa soluzione a tutti i piedi piatti.

Partiamo dalla prima inserzione

la descrizione dice:

Walkfit sono i plantari di nuova generazione che garantiscono un nuovo comfort stando in piedi, camminando e durante la corsa. I plantari Walkfit regalano benessere e sollievo a tutto il corpo.

Quindi è stato inventato il plantare che va bene per tutti, o meglio poco più sotto avverto:

AVVERTENZE PER DIABETICI o per coloro che soffrono di problemi circolatori:
se soffrite di diabete, dolori cronici ai piedi, problemi alle articolazioni o difficoltà circolatorie, consultate il vostro medico prima di indossare i plantari Walkfit™. Il parere del medico è molto importante

Quindi DIABETICI, ARTERIOPATICI, PERSONE AFFETTE DA ARTROSI O DISFUNZIONI MECCANICHE ARTICOLARI devono chiedere il parere del medico!!!! Sapete perchè? Perchè questa categoria di utenti non ricaverebbe alcun beneficio da tali plantari, anzi, correrebbe il rischio di vedere sorgere ulcere o aumento di dolorabilità alle estremità o in altre parti del corpo

Ma questo non basta. Detto in maniera molto superficiale, attraverso i piedi avviene un adattamento posturale che l’individuo costruisce dalla nascita durante il corso della sua esistenza. Se questo adattamento posturale crea una problematica, questa va individuata con esami specifici, e solo dopo tali valutazione si decide il tipo di plantare da realizzare, che deve essere personale, vale a dire solo per la persona esaminata.

Quinsi arriviamo alla seconda segnalazione, una ortopedia che fa si i plantari personalizzati, ma sempre on line, o se preferite a distanza.

Come fa?

Detto fatto, invia a casa un kit, dentro il quale è presente una schiuma fenolica, che ha la caratteristica di dare forma a tutto quello che le ricade sopra imprimendo con peso. Nel nostro caso si tratta dei piedi. Bene il paziente, o utente, o consumatore (come preferite) con una operazione fai da te, deve imprimere la forma dei propri piedi all’interno di queste schiume e poi attendere il corriere che le passi a prendere. Il corriere le consegnerà alla ditta incaricata di preparare i plantari per poi inviare la consegna dei plantari stessi a casa.

Molti profani penseranno che il metodo sopra citato sia più serio e di migliore valenza.

ASSOLUTAMENTE NO!!!

L’impronta dei piedi va presa in determinate condizioni ed in un modo specifico e ben preciso, il fai da te invalida la veridicità della stessa, sentenziandone la non utilizzabilità.

Basta un’inclinazione diversa della caviglia, o del ginocchio o dell’avampiede per imprimere fischi per fiaschi!!!!

Voglio ribadire ai consumatori che il plantare è un dispositivo medico realizzato su misura, può produrlo solo chi è iscritto come fabbricante presso il Ministero della Salute. Tale dispositivo si realizza dopo aver raccolto una molteplicità di dati inerenti lo stato e la posizione del piede, ivi compreso l’appoggio. Quindi dopo un Esame Obiettivo del Piede ed una valutazione su pedana elettronica, l’operatore procede con il rilevamento dell’impronta anatomica del piede, o con schiuma fenolica o con benda gessata. Il risultato di tale lavoro sarà solo della persona esaminata, non fruibile quindi per persone che hanno la stessa patologia e magari lo stesso numero di calzature.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • alessandro.pulcioni

    22 Feb 2009 - 11:33 - #1
    0 punti
    Up Down

    ho.letto.l’articolo.di.fabio.vietri.sono.d’accordo.su.tutto.quello.che.spiega.il.sottoscritto.ha.acquistato.da.circa.un.anno.i.plantari.walkfit.ho.avuto.molti.benefici.dolori.di.schiena.quasi.scomparo.correzione.dei.piedi.modica.spesa(dovrei.ritenermi.fortunato)sono.un.pesionato.di.72.anni.con.poche.possibilita