Questo sito contribuisce alla audience di

Il portoghese del Brasile

La formazione del portoghese brasiliano

La lingua indigena: quando i portoghesi sbarcarono in Brasile (nel 1500), portando la lingua portoghese, hanno trovato lì la popolazione indigena. Da allora, le lingue parlate nella colonia portoghese furono il portoghese ed il tupi, lingua indigena. Nel 1757 il re del Portogallo vietò l’utilizzo del tupi e il portoghese diventò la lingua della colonia; la lingua, però, era già arricchita di termini indigeni, soprattutto delle parole legate ad elementi della flora e fauna locale, nomi geografici e di persone.

Le lingue africane: con l’arrivo degli schiavi africani, il portoghese brasiliano ricevette nuovi contributi.

Le lingue europee: dopo l’indipendenza (1822), nuovi termini sono stati aggiunti alla lingua, grazie all’ondata d’immigrazione degli europei (italiani, tedeschi, spagnoli, arabi, ecc) che si fissarono nel centro e nel sud del paese, il ché spiega anche la variazione di pronuncia tra le regioni brasiliane.

Ultimi interventi

Vedi tutti