Questo sito contribuisce alla audience di

La storia della cucina brasiliana 1

I portoghesi cercavano le Indie orientali e hanno trovato
il "paese della manioca".

Mandioca I portoghesi, al primo contatto che hanno avuto con gli indios, nel 1500, hanno presentato a loro quello che portavano nelle navi: pecora, gallina, pane di grano, pesce cotto, dolci, vino, miele e fichi secchi. Nel 1532, hanno portato lo zucchero.

È bene ricordare che è stato il cibo - specie i condimenti - che ha spinto i colonizzatori portoghesi a partire verso terre sconosciute. Cercavano le Indie orientali e hanno trovato il “paese della manioca”. Dalla manioca si estraeva la farina, il polviglio, il “beiju” e delle bevande alcoliche. Si mangiava la manioca nella forma di farina pura, cotta o arrostita, mescolata con la carne, con la frutta, con i vegetali. La manioca era ed è ancora fondamentale nell’alimentazione del paese.

Gli “indios” coltivavano altre cose, come le patate e l’arachide e non si può dimenticare i diversi tipi di frutta - come il “caju”. Siccome il grano europeo non si adattava al posto, i colonizzatori si sono dovuti abituare a mangiare le radici.

Prima dei portoghesi, la carne veniva dalla caccia ed era preparata come arrosto. Dai loro viaggi, i portoghesi hanno portato in Brasile varie specie di alimenti e ugualmente dal Brasile in Africa. La manioca e l’arachide hanno conquistato l’Africa e la banana ed il cocco sono stati integrati al paesaggio brasiliano.

Dalla Europa, hanno portato in Brasile la gallina, la pecora, il bestiame vaccino, l’anatra, il maiale, ma è sopratutto nel condimento che il portoghese da il suo più importante contributo: Impone il gusto per il sale, poco utilizzato dagli “indios” e africani, e insegna loro la proprietà del sale di conservazione della carne. Altre spezie (aromi) portate da loro sono: il garofano, il finocchio, la cannella. Le donne “indias” hanno dovuto cucinare d’accordo con il gusto europeo, con gli ingredienti che avevano a disposizione.

Da gusti europei, da mani e conoscenze indigene e poi africane, e da cibo di tutto il mondo: così comincia la storia della cucina brasiliana.

Fonti:
- Cascudo, Camara - História da Alimentação no Brasil
- Folha de SPaulo

Ultimi interventi

Vedi tutti