Questo sito contribuisce alla audience di

Forum Mondiale della Teologia della Liberazione

Durante il Forum Sociale Mondiale 2005 a Porto Alegre, 200 teologi delle chiese cristiane dell'America, Europa, Africa e Asia discuteranno l'ambiguità dell'esperienza religiosa e argomenti polemici come la gerarchia delle chiese e la limitazione della partecipazione di donne e omosessuali.

Gli eventi paralleli al Forum Sociale Mondiale avranno inizio oggi, 21 gennaio, con il Forum Mondiale della Teologia della Liberazione. L’incontro vedrà la partecipazione di 200 teologi delle chiese cristiane dell’America, Europa, Africa e Asia che discuteranno l’ambiguità della esperienza religiosa. Il Frate Francescano Luiz Carlos Susin, uno degli organizzatori dell’evento, spiega che “la religione può essere costruttiva, per incentivare la compassione e la solidarietà, ma può anche portare all’intolleranza e all’aggressività quando diventa fondamentalista“.

Diversamente ad alcune attività di grossa visibilità del Forum Sociale Mondiale, la riunione dei teologi sarà discreta, nel quasi deserto campus della Pontificia Università Cattolica, ma può generare delle polemiche. Argomenti come la gerarchia delle chiese, la limitazione della partecipazione di donne e omosessuali potranno essere presentati dai rappresentanti di entità europee e nord-americane. Secondo Susin, nell’America Latina, sia per la urgenza di altri problemi, sia per la timidezza, questi argomenti ancora non sono venuti a galla.

I partecipanti dovranno fare anche una rivalutazione della Teologia della Liberazione, movimento cattolico latino americano, che si è avvicinato alla lotta politica e alla difesa dei diritti umani negli anni 70. Il movimento si sta rinnovando dal inizio degli anni 80, per aggiungere nuovi argomenti, come il femminismo, l’ecologia e il rinnovo della spiritualità, che hanno perso strada per i movimenti pentecostali e carismatici.

Tra i partecipanti del raduno ci saranno i brasiliani Frei Beto e Leonardo Boff, lo spagnolo Juan José Tamayo, la messicana Elsa Tamez, il francese Claude Geffrè e il venezuelano Otto Maduro. Altri eventi appartenenti al Forum sociale Mondiale inizieranno domenica, 23 gennaio: Forum Mondiale dei Giudici, Forum Sociale della Salute e il Forum Sociale delle Migrazioni. Un altro evento parallelo, il Forum Parlamentare Mondiale, è previsto per i giorni 29 e 30. Martedì, 1 febbraio inizia il Forum delle Autorità Locali per l’Inclusione Sociale e il Forum Mondiale dell’Informazione e Comunicazione.

Il presidente venezuelano Hugo Chávez ha confermato ieri la sua partecipazione nelle attività parallele al Forum. Lui sarà a Porto alegre tutta la giornata del 30 gennaio.

Ultimi interventi

Vedi tutti