Questo sito contribuisce alla audience di

Guido Pascoli

100 anni del grande artigiano italo-brasiliano

Non solo di prove, lezioni e concerti vivono gli alunni degli strumenti a corde del 27º Corso Internazionale d’Estate della Scuola di Musica di Brasilia. Il restauro, la manutenzione e conservazione degli strumenti sono di fondamentale importanza perché il lavoro dei musicisti ottenga un buon risultato, oltre a molto studio, è chiaro. Ottenere la migliore sonorità possibile dello strumento è l’obiettivo dei liutai, grandi maestri nell’arte di trasformare il legno in archi, violini, viole, violoncelli e contrabbassi. Guido Pascoli, un importante liutaio brasiliano, discendente d’immigranti italiani, è ricordato, durante il corso, da tutti i professionisti dell’area. Nel 2005, Pascoli avrebbe compiuto 100 anni di vita. In omaggio al centenario di Guido Pascoli, la Scuola di Musica ha montato, nella hall, una piccola officina di liuteria, dove i liutai lavorano tutti i giorni negli strumenti degli alunni del corso. Così come altri liutai, Guido Pascoli ha anche voluto avvicinarsi alla perfezione al suono dei suoi strumenti. Utilizzando il parametro di Stradivarius, lavorando sulla vernice degli strumenti, è riuscito a creare un suono di eccellente qualità, ed i suoi strumenti sono stati premiati ed esposti a Liegi, in Belgio, nel 1960. La sensibilità artistica e la passione per il lavoro erano marchi della sua personalità. È stato un maestro del mestiere di liutaio, è stato fondatore dell’ ”Oficina Escola de Luthieria”, che ha funzionato nelle dipendenze della Funabem, a Rio de Janeiro, dove ogni anno venivano confezionati circa 60 strumenti a corde, distribuiti nei progetti “Orquestras e Espiral”, della Funarte, in tutto il Paese. Morì nel 1987, dopo esser vissuto cieco per vari anni, senza però interrompere l’esercizio della sua professione di maestro ed artigiano.

Mario Ciccone – Info Brasile Italia

Ultimi interventi

Vedi tutti