Questo sito contribuisce alla audience di

IV Concorso Internazionale di Vini

Il Brasile vince 77 medaglie e va messo tra i principali produttori di vini del Nuovo Mondo

I vini prodotti in Brasile, frutti dell’evoluzione dalla vitivinicoltura brasiliana, hanno già il riconoscimento di enologi ed esperti di tutto il mondo. Le centinaia di premiazioni nei concorsi internazionali testimoniano lo status di produttore di vini di qualità internazionale per il Brasile. Il gigante dell’America del Sud va messo tra i principali produttori di vini del Nuovo Mondo, con il profilo di produrre vini giovani e con delle caratteristiche che seguono le tendenze mondiali.

Questo riconoscimento all’ estero ha valorizzato il prodotto nel mercato interno, oltre all’aumento delle esportazioni della bevanda verso i paesi dell’America del Nord e Europa. Negli ultimi anni il volume dell’esportazione è in crescita.

Il IV Concorso Internazionale del Vino, realizzato quest’anno di 2008, dal 3 al 6 di novembro, nella città di Bento Gonçalves, Regione Sud del Brasile, ha premiato 127 delle 434 marche iscritte. L’evento ha riunito 51 degustatori di nove paesi: Germania, Argentina, Cile, Spagna, Francia, Italia, Portogallo, Uruguay e Brasile. Il Brasile è il grande vincitore del concorso, con 77 medaglie, seguito dal Cile, che ha conquistate 23.

Nell’edizione del 2006, il Concorso ha riunito 420 mostre di 13 paesi (Africa del Sud, Germania, Argentina, Australia, Brasile, Cile, Spagna, Francia, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Portogallo e Uruguai). È stato premiato il 30% dei vini, ovvero, 125 marche, secondo norme della Organizzazione Internazionale della Uva e del Vino (O.I.V). Un gruppo formato da 42 esperti di otto paesi ha partecipato alle degustazioni, un numero superiore a quello del 2004, quando 11 paesi hanno partecipato con 401 marche iscritte.

Questa edizione del Concorso ha superato quella del 2006 in numero di marche iscritte e paesi partecipanti e si è consolidato, nella sera della premiazione, come uno dei grandi eventi del genero nel mondo. Secondo le norme internazionali, sono state premiati con medaglie di oro e argento i vini bianchi, rossi e rosati, oltre allo spumante, vino liquoroso, distillato e brandy. Del totale di 127 medaglie, 95 erano di oro, 31 di argento e una grossa medaglia d’oro, conquistata dalla Agricola Santa Teresa, del Cile, con il vino Santa Ines Reserva Syrah Edition Limited.

Tra i vini iscritti dai 15 paesi partecipanti al concorso, i vini rossi e quelli spumanti hanno conquistato il più grande numero di medaglie. Hanno partecipato del evento vini della Germania, Africa del Sud, Argentina, Australia, Brasile, Cile, Spagna, Stati Uniti, Francia, Israele, Italia, Nuova Zelanda, Peru, Portogallo e Uruguay. I vini rossi hanno conquistato 63 medaglie, 46 sono state conquistati dai vini spumanti, 9 medaglie le hanno conquistati i vini bianchi, 2 per i rosati, 5 per i liquori, una per distillato e una per il brandy.

Secondo il presidente dell’Associazione Brasiliana di Enologia (ABE) e del Concorso, Carlos Abarzúa, il livello dei vini partecipanti è stato molto alto, assicurando la conquista del grande numero di medaglie d’oro. Nella categoria spumanti, il Brasile è stato il grande vincitore, conquistando tutte le 46 medaglie.

Organizzato dall’Associazione Brasiliana di Enologia (ABE), con l’appoggio dalla Organizzazione Internazionale della Uva e del Vino e Unione Internazionale dei Enologi (UIOE), il IV Concorso Internazionale di Vini del Brasile è stato realizzato nel Hotel & Spa do Vinho Caudalie, nel Vale dos Vinhedos. La sera della premiazione ha radunato piu di 200 persone tra enologi, imprenditori, importatori, autorità e invitati.

Ultimi interventi

Vedi tutti