Paraná

La città di Curitiba, capitale dello Stato del Paraná, ha un terzo in meno dei poveri del resto del Brasile e la vita media arriva a 72 anni, grossomodo quanto negli USA

Stato del Parana - Brasile

Fondata nel 1654, Curitiba è la capitale dello stato del Paranà sin dal 1831. Conta circa 2.500.000 abitanti. E’ stata fortemente influenzata nel suo sviluppo, dall’immigrazione tedesca, polacca, ucraina ed italiana, da cui discende la maggior parte della popolazione. E’conosciuta come la capitale ecologica del Brasile. I prodotti principali sono il mate ed il caffè.

Nel 1971, in piena dittatura, una serie di casualità portarono alla designazione di Jaime Lerner come sindaco della città, scelto perché ritenuto un inoffensivo esperto di architettura. L’anno successivo Lerner creò la prima isola pedonale del mondo.

Curitiba - Parana - Brasile

(Foto: Colemon)

La seconda operazione di Lerner fu quella di creare un sistema di trasporti rivoluzionario con strade principali riservate agli autobus e particolari rampe, coperte da tubi trasparenti, che portano il marciapiede allo stesso piano dei mezzi pubblici, permettendo ai passeggeri di salire sull’autobus senza fare scalini. Queste rampe danno la possibilità di accedere ai trasporti pubblici anche a chi vive su una carrozzina a rotelle. Particolare attenzione é data ai collegamenti con i quartieri poveri della città: sono stati acquistati autobus composti da tre vagoni, con porte più grandi che si aprono in corrispondenza delle porte scorrevoli delle rampe coperte. Per tagliare i costi ed i tempi sono aboliti i bigliettai e ci si fida del fatto che se i trasporti funzionano veramente, i cittadini pagano volentieri il biglietto. Grazie a queste innovazioni, i tempi di percorrenza degli autobus di Curitiba sono tre volte più veloci e trasportano in un’ora tre volte il numero dei passeggeri, con un rapporto tra denaro investito e i passeggeri trasportati superiore del 69%.

Le autostrade di Curitiba trasportano 20.000 passeggeri l’ora. Rio de Janeiro ha una metropolitana che trasporta un quarto di passeggeri e costa duecento volte di più. Grazie a questa gestione oculatissima dei costi, le linee di trasporto si auto-finanziano con il solo costo dei biglietti; ammortizzano i costi di un parco-mezzi per cui sono stati spesi 45 milioni di dollari; offrono utili alle dieci imprese che hanno in appalto il servizio, e implementano il capitale investito con un tasso di profitto del 12% annuo.

trasporti curitiba parana brasile I trasporti sono talmente efficienti che nel 1991 un quarto degli automobilisti della città aveva rinunciato a possedere un’automobile e il 28% dei passeggeri, pur possedendola, preferiva non usarla. A questo rifiuto di massa dell’auto contribuiscono anche 160 chilometri di piste ciclabili. (Terminal di Trasporto Campina do Siqueira, alla fine dell’ Avenida Padre Anchieta - foto: Comune di Curitiba).

La riforma non si è fermata ai trasporti. Il problema delle baraccopoli è stato affrontato trovando sistemi semplici in grado di offrire effetti positivi immediati ed un cambiamento radicale della cultura a lungo termine.

Ci sono servizi di distribuzione quotidiana di pasti gratuiti. Sono state costruite 14.000 case popolari, ma si è agito anche distribuendo piccoli pezzi di terra per orti e case. I materiali di costruzione vengono acquistati con un finanziamento comunale a lungo termine, ripagato con rate mensili pari al costo di due pacchetti di sigarette. Ogni nuova casa riceve poi in regalo dal Comune un albero da frutta ed uno ornamentale. Il Comune offre anche un’ora di consulenza di un architetto che aiuta le famiglie a costruire case più confortevoli ed armoniose. I quartieri poveri di Curitiba sono i più belli del mondo.

Esiste un servizio di camioncini che girano per la città scambiando due chili di immondizia suddivisa, con buoni-premio che permettono di acquistare un chilogrammo di cibo (oppure quaderni, libri o biglietti per gli autobus). Il 96% dell’immondizia della città viene raccolta e riciclata.

Uno degli slogan che caratterizza Curitiba è: la spazzatura non è spazzatura. Praticamente tutta la carta raccolta viene riciclata e, come spiega orgogliosamente un cartello elettronico che campeggia in mezzo al parco, 50 chili di carta riciclata bastano a salvare un albero. Il riciclaggio della carta ha salvato finora 4.693.559 alberi. E questo ha permesso di risparmiare milioni di dollari per costruire e gestire una discarica.

Attraverso la pulizia della città ed una migliore alimentazione della popolazione povera, si è ottenuto un netto miglioramento della salute. Il tasso di mortalità infantile è un terzo rispetto alla media nazionale. Ci sono 36 ospedali con 4.500 posti letto, medicinali gratuiti e assistenza medica diffusa sul territorio.

Ci sono 24 linee telefoniche a disposizione dei cittadini per informazioni di ogni tipo. Una di queste linee fornisce ai cittadini più poveri i prezzi correnti di 222 prodotti di base. Ci sono anche 30 biblioteche di quartiere con 7000 volumi ciascuno. Si chiamano Fari del sapere e sono casette prefabbricate contraddistinte da un tubo a strisce bianche e rosse alto 15 metri.

A Curitiba ci sono 20 teatri, 74 musei e centri culturali e tutte le 120 scuole della città offrono corsi serali. Vengono organizzati corsi di formazione professionale per 10 mila persone all’anno. Gli abitanti di Curitiba sono collegati a un Telefono della solidarietà che permette di raccogliere elettrodomestici e mobili usati che vengono riparati dagli apprendisti artigiani e rivenduti a basso prezzo nei mercati o regalati.

Un’altra grande iniziativa di Lerner è stata quella di creare decine di parchi dotati di laghetti e di piantare ovunque alberi. Curitiba è la città più verde del mondo, con 55 m2 per abitante.

Insomma un paradiso con il 96% di alfabetizzazione (nel 1996). Gli abitanti che hanno un titolo di studio superiore sono l’83%. La città ha un terzo in meno dei poveri del resto del Brasile e la vita media arriva a 72 anni, grossomodo quanto negli USA

(tratto dal sito Promobrasil)

Save n'Keep

Bookmark condivisi e privati.

Con Save n' Keep ora è possibile!

Ultimi interventi

Vedi tutti