Questo sito contribuisce alla audience di

Prevenire un disastro SCOLASTICO

Salvare la Costituzione per salvare la Scuola della Repubblica! Votate e fate votare NO al Referendum dl 25 26 giugno

Il referendum del 25 e 26 giugno è una scadenza fondamentale per la Scuola della Repubblica, figlia della Costituzione.

Se alla possibilità di legiferare in modo concorrente sull’istruzione da parte delle Regioni si aggiungerà la competenza regionale esclusiva sull’organizzazione scolastica, cioè sulla gestione degli organici e del personale, e su una parte dei programmi, verrà messa in discussione la stessa presenza di un sistema scolastico nazionale.

Basti pensare che ogni scuola potrà avere differenti programmi fino al 40% degli stessi (20% di quota regionale più 20% di quota scolastica).

Senza un sistema scolastico nazionale le scuole saranno in balia degli assessorati regionali e degli interessi del mercato capitalistico locale.

Per questo la presenza della questione scuola deve essere fortemente presente nella campagna elettorale, per questo il popolo della scuola deve mobilitarsi al massimo perchè vincano i NO.

Se vincono bene i NO poi di fatto cadrà anche l’applicazione della revisione del titolo V fatta nel 2001 e che tanti danni ha fatto alla scuola.

Allo scopo il Comitato bolognese Scuola e Costituzione ha prodotto un opuscolo che contiene il testo della Costituzione del 1948, quello in vigore e quello sottoposto a referendum. In tal modo è possibile confrontare articolo per articolo le modifiche proposte.

Il file in pdf contente l’opuscolo è reperibile sul sito del Comitato bolognese Scuola e Costituzione.