Questo sito contribuisce alla audience di

Abbronzatura: il Sole non fa più male.

Pare che sia terminato l'allarme raggi UVA. Da un ricercatore inglese viene di nuovo sdoganata la nostra stella, sia per abbellire che per prevenire malattie anche gravi.

Sano e Abbronzato Dopo gli anni dell’allarme raggi uva ecco che, sul CorriereDellaSera.it, viene pubblicata la notizia in cui vengono citate note di riabilitazione nei confronti della tintarella. A noi che siamo un po’ maligni viene da pensare che potrebbe anche essere un incentivo al turismo per il Paese del Sole.
Ma pare che i dati siano tratti direttamente dall’Health Research Forum di Londra, dove pochi giorni fa Oliver Gillie ha parlato addirittura di demonizzazione dell’abbronzatura, riferendosi proprio all’allarme di cui dicevamo.

Secondo le analisi di Gillie, pubblicate su Molecular Nutrition and Food Research, l’esposizione ai raggi del Sole contribuirebbe alla prevenzione di numerosi e gravi malattie, quali tumori, cardiopatie, diabete, sclerosi multipla. Rivalutata, dunque, la stimolazione alla sintesi di vitamina D nella pelle grazie alla luce del Sole.
E la vitamina D è conivolta nella produzione di sostanze antibatteriche e inibisce un enzima, l’aromatasi, bersagliato anche dalle cure contro i tumori.

Al mare, in Romagna per esempio, sono già tantissimi quelli che si fanno ore di lettino in spiaggia. E pare anche di assistere a un ritorno al toples da parte di molte signore.
Che, a questo punto e secondo Gillies, possono stare tranquille rispetto ai dubbi che l’abbronzatura al seno possa causare, o accelerare, tumori e problemi.
Tuttavia, sempre per rimanere nell’ambito della prevenzione, vogliamo ricodarvi alcune “regole” (preferiremmo chiamarle “sfoggio di buon senso”) per prendersi una bella tintarella senza rischiare… la pelle!

  • Preparate la pelle al sole con un buon prodotto esfoliante - eviterete di abbronzare le cellule “morte” superficiali che comunque si esfolieranno, prima o poi!
  • A pplicate i solari con cura e proteggete le zone più sensibili. Come il decolletè, il contorno occhi…
  • Ripetete regolarmente l’applicazione dei prodotti almeno ogni due ore e dopo ogni bagno, anche se restate all’ombra.
  • Scegliete i fattori di protezione adatti al vostro tipo di pelle; se si chiama fattore di protezione, è proprio per proteggere la pelle che lo mettete.
  • Evitate l’uso di profumi (hanno l’alcol!) e prodotti (medicinali, creme cosmetiche) foto-sensibilizzanti altrimenti rischiate di trovarvi il manto come la giraffa.
  • Aumentate il consumo di frutta e verdura ricche di betacarotenoidi, favoriscono il colore intenso dell’abbronzatura e aiutano a prevenire l’invecchiamento della pelle (frutta arancione e verdure verdi come melone, pesche, albicocche, zucca, cachi, carote, spinaci, bieta, lattuga…)
  • Esponetevi sopratutto entro le 11:00 di mattina e dopo le 5:00 di pomeriggio! Abbronzatura dorata e duratura, provare per credere!
  • Carote