Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Lezioni didattiche IPNOSI Dilatare la mente

    Il manoscritto nella sua versione originale nasce come bozza di Lezioni didattiche, per un corso esaustivo della Psicoterapia ed Ipnosi Ericksoniana. Milton Erickson non distingueva tra le due modalità di approccio e passava dall’una all’altra nel corso della stessa seduta. D’altra parte nel coinvolgimento di un racconto, se tu visualizzi, ascolti, percepisci quello che non c’è, sei già in trance profonda, che rende inutile una codificazione formale. Erickson diceva “ ad una persona del tutto estranea potete chiedere di parlarvi di un qualche luogo in cui è stata prima e che voi non avete mai visto ..la portate a parlarvi di quel particolare luogo e poi potete suggerire che vede l'acqua, percepisce odori, ascolta suoni o qualsiasi cosa considerasse quando era in quel luogo”. Manipolazione diceva Erickson come quella che fa una madre affinché il proprio figlio viva. Manipolazione affinché il paziente sopravviva e superi il proprio problema. Perché quello che conta al di la delle belle parole è solo questo: il risultato delle cose.

  • Libro: IPNOSI Dilatare la mente per conoscere e trasformare ...

    La guida iniziale sfrutta la conoscenza che il terapeuta ha dei vari condizionamenti e dei vari meccanismi che impediscono alla maggioranza delle persone di guardare dentro di sé perché si sono riempite di paura, dolore, pensieri, adoperando un unico e solito punto di vista che ha cercato di dare delle soluzioni purtroppo errate ad un loro problema. Questo manoscritto è il racconto di questo viaggio che il paziente compie all'interno della propria anima. Anzi in realtà è il racconto di un viaggio che compiono insieme e sullo stesso piano terapeuta e paziente. In un viaggio che si compie insieme si guardano delle cose, si ascoltano, si percepiscono e si gustano e quando qualcuno dei due non capisce, domanda all'altro e l'altro risponde. In questo viaggio si ritrova un rispetto per l'altro, spesso nella vita dimenticato, che è il rispetto dell'identità dell'altra persona. Non si porta il compagno di viaggio a diventare quello che non è ma a recuperare quello che è. E quando questo recupero avviene, il piacere che si prova dentro è grande. Fare emergere dal profondo di noi stessi quello che siamo -ritrovando la nostra identità- è certamente un gran bel condizionamento. I condizionamenti veri, nel senso che intendiamo noi tutti, sono tutt'altra cosa. I veri condizionamenti sono il tentativo di convincerci subdolamente che le cose sono tutte in un altro modo, rispetto alle idee che noi abbiamo delle cose....Questo libro è rivolto a tutti quelli che vogliono rendersi conto del perché delle cose, che vogliono capire come funziona la nostra mente e come si svolgono i processi emozionali all'interno di noi stessi. La conoscenza delle cose e il conoscersi dentro attraverso un linguaggio che parla la stessa lingua del profondo è un modo per riappropriarci della nostra anima perduta, vale a dire di quello che siamo e siamo sempre stati ma non abbiamo mai avuto il coraggio e/o l'opportunità di lasciare emergere. È un processo, a volte lento ma comunque inarrestabile, di conoscenza e di comprensione. Il comprendere noi stessi e le nostre potenzialità-che spesso non sapevamo di avere, perché nella vita tante situazioni e persone ci hanno tarpato le ali, è già un grande passo, un arricchimento, un flusso inarrestabile di emozioni che ci vengono dall’anima e che ci colorano di nuovo la vita.

  • Milton Erickson Biografia

    Elementi fondamentali della terapia e dell’approccio al paziente di Milton H.Erickson sono i Racconti Didattici: usando un linguaggio semplice, storie, stravaganze, reminescenze, pensieri bizzarri, fatti inconsueti, episodi della sua vita: compassione, coinvolgimento, spiazzamenti, paradossi, prescrizioni del sintomo, doppi legami, metafore, aneddoti, curiosità, divagazioni, cronache di fatti o di pura fantasia, divagazioni...Ogni storia di Erickson aveva un suo senso, era un pezzo del puzzle che si componeva, strada facendo, ogni storia mirava ad uno scopo, era uno strumento affilato e nel contempo dolce, era un bisturi raffinatissimo per aprire la mente del paziente, per scoprirne potenzialità inespresse ed insospettate, per traghettarlo al di là del labirinto dei suoi pensieri. Ogni storia diveniva un coinvolgimento, una ipnosi indiretta e vigile (che avveniva in stato di veglia)....Erickson...a livello sportivo allenò singoli atleti e squadre che vinsero lolimpiadi e importanti competizioni internazionali....

  • Gilberto Gamberini Biografia

    Medico Chirurgo, Tutor Psicoterapeuta ... Ho scritto un libro “IPNOSI dilatare la mente per conoscere e trasformare la realtà” pubblicato dalla Giunti Gruppo Editoriale in Firenze su licenza Demetra Gennaio 2002. Ho tenuto un corso di Ipnosi,nel 2003 patrocinato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dal Ministero della Salute con riconoscimento punteggio ECM. A Cannes, su invito dell'Instituto Milton H. Erickson di Nizza (Costa Azzurra) sede internazionale riconosciuta dalla Fondazione Milton H.Erickson di Phoenix in Arizona, ho presentato la relazione"L'utilisation de la régression dans le traitement de la douleur:douleur morale e douleur physique” Membro della Società Francese di Ipnosi e Psicoterapia SHF... Il 16 Luglio 2005 a Cassacco ha presentato il Workshop “Un Viaggio nell’Anima” attraverso la psicoterapia e l’ipnosi ericksoniana...I corsi sono abbinati al Progetto “Ragazzi di strada” Costruzione di un centro di accoglienza e infermeria in Romania, gestito dalla Comunita di Don Orione...

  • M.H.Erickson Le nuove vie dell'IpnosiTecniche di Psicoterapia

    esperimenti condotti da Erickson, sia per il rigore sperimentale che li caratterizza, sia per la rilevanza dei loro risultati, sia per l'incredibile fantasia...Una delle cose più sconcertanti della personalità e della pratica di Erickson è che egli sembra riesca a fare spontaneamente delle interventi immediati che sottoposte ad un'analisi a posteriori si rivelano il risultato di una serie estremamente complessa di ragionamenti e di obiettivi....

  • Alan W.Watts Il Tao: La via dell’acqua che scorre

    Tao (il flusso della natura), Wu- Wey (non forzare le cose) e Te (il potere che viene da ciò)...Il tao è il corso della corrente, è il lasciarsi andare... è la via dell'acqua che scorre. Il tao è lo scorrevole corso della natura e dell'universo....Lo scorrere del respiro, il canto del gallo in lontananza, la luce sul pavimento, il sussurro del vento, la quiete... e questo l'aspetto yin della vita taoista, che perciò non esclude l'aspetto yang di godere nel vigore, perciò la disciplina del t'ai chi chuan, del movimento del corpo, che scorre e dondola, viene tenuto in considerazione come lo stare seduti in meditazione.... Il wu-wey è uno stato di coscienza quasi di sogno, fluttuante...."Una volta io, Chuang-Chou, sognai di essere una farfalla, una farfalla che svolazzava felice. Io non sapevo che essa era Chuang-Chou. All'improvviso mi svegliai e fui veramente di nuovo Chuang-Chou. Tuttavia io non so se ero io che stavo sognando di essere una farfalla, oppure si sono una farfalla che sogna di essere Chuang-Chou."... Il pensiero nasce dalla sconfitta. Quando l'azione è soddisfacente non c'è alcun motivo per mantenere l'attenzione... la possibilità di sopravvivere e migliore allorché non vi è l'angoscia del sopravvivere... essere preoccupati di sopravvivere significa consumare se stessi... il maestro venne perché era il suo tempo... se ne andò perché seguì il corso della natura….

  • I "cinq cahiers" di Marie Bonaparte

    che ella scrisse ad iniziare dal 23 novembre del 1889 quando aveva sette anni e mezzo sino al 24 maggio 1892 quando ne aveva dieci.... quando Freud lesse il suo diario le disse: “questa Matita da bocca mi sembra sospetta. Quando lei era piccola deve aver visto una fellatio “....Marie entra poi in domande più intime e chiede a Pascal se la balia lo baciava anche “in un certo posto”; alla risposta affermativa dice che lo aveva potuto dedurre dalla lettura dei quaderni in cui si parlava di “un bell’uomo arrostito che io vorrei mangiare”. L’invidia della lattante verso la nutrice che lo mangiava davvero. Un bell’esempio di universo orale con le sue spiegazioni ed i suoi fantasmi...“E poi il latte, il mio latte...Sa Pascal che io ho anche visto delle eiaculazioni....

  • M.H.Erickson e la PNL

    Jhon Bandler e Richard Grinder sono i fondatori della PNL, Programmazione Neuro Linguistica. Nella presentazione del loro libro più famoso "Ipnosi e Trasformazione" si scrive "La maggior parte dei procedimenti spiegati da Jhon Bandler e Richard Grinder, nel loro volume, sono il frutto di una osservazione sistematica e attenta del lavoro di Milton H.Erickson..."

  • Milton H. Erickson Bibliografia

    da FREUD a Sideny Rosen ......

  • Change: Il Linguaggio e le Forme del Cambiamento

    WATZLAWICK descrive la percezione della realtà in termini di immagine del mondo: gli interventi linguistici tendono a modificare questa immagine. L'attività dell'emisfero destro e l'origine delle fantasie dei sogni e delle idee che possono sembrare illogiche e assurde. Il linguaggio della psicoterapia è il linguaggio dell'emisfero destro perché in esso l'immagine del mondo è concepita ed espressa. Questo libro destinato a insegnare la grammatica dell'emisfero destro in cui si realizza il cambiamento: il lavoro della terapia secondo WATZLAWICK è cambiare l'immagine del mondo che produce dolore nel paziente. Tutto ciò che appare immodificabile può secondo WATZLAWICK essere cambiato. Allo stesso modo è per Milton H. Erickson....Futurismo, Arte, Psicoterapia, Cambiamenti, proposizioni diverse, in tempi diversi, di argomenti diversi, per ricerche diverse e tra loro opinabili, per rigettare il passato e costruire un mondo e un uomo nuovo, che tenga presente la sua forma e la sua essenza, assumendo altre forme e altre essenze, ancora da annusare, ancora da ballare, ancora da percorrere, ancora da rappresentare, ancora da inventare.

Le categorie della guida