Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • La relatività è la psicoterapia

    c'era una volta......

  • L’immagine ci condiziona?

    Si …. una malattia del benessere, che supera l’importanza dell’essere, della sua essenza, per dare importanza e rendere sempre più importante la sua forma....uno sfruttamento della tua superficie per succhiarti il tuo profondo: l'anima.... L’immagine rappresenta uno dei modi con cui noi percepiamo la realtà. Il primo impatto….Immagine è il ricordo di ciò che eravamo: una vecchia fotografia. Immagine è la proiezione di ciò che saremo....Ridurre l’essere umano alla sola immagine è come ridurre un quadro alla sola sua cornice, prescindendo dal suo contenuto....Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Psicoterapia del relativismo sapiente

    Non è una battaglia tra relativisti e assolutisti anche perché gli intellettuali che hanno negato l'accesso al papa in nome del relativismo si sono comportati da assolutisti, ovverosia hanno assunto i comportamenti di cui accusano il papa

  • La critica deve essere sempre costruttiva?

    Da adulti, la critica intesa come “così non mi vai bene, non mi incastro con te, non voglio incastrarmi con te, non deve essere necessariamente costruttiva.”.....Devo conservare la libertà di dire semplicemente NO, contro soprusi e violenze. La critica per abbattere dei falsi idoli, non necessariamente ne deve costruire di nuovi.....La critica costruttiva, invece....esprime una filosofia, una visione rivolta al futuro. Spesso minoritaria perchè i costruttori di idee non piacciono a nessuno....Ci sono due condizioni particolari in cui la critica deve essere, necessariamente, costruttiva...In campo educativo....e sul lavoro..... Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì alle 13,00 Replica notturna alle 01,15 ed alle ore 03.00 Dall' Ottobre 2007 a Maggio 2008

  • Il linguaggio del corpo

    La parola deve esprimere ciò che siamo…. Anche il corpo per raggiungere una piena sintonia lo dovrebbe fare….Osservare liberandosi dai preconcetti e dalle idee precostituite che ti impediscono di vedere....Il linguaggio dell’inconscio è lo stesso dell’amore, dell’amore carnale e di quello spirituale, è il linguaggio del paradiso perduto di Milton Erickson, un paradiso così vicino, che è dentro di noi e allo stesso tempo così inafferrabile e lontano, perché troppo a portata di mano. …..La comunicazione non verbale ....Il linguaggio della carezza .....Il linguaggio delle cose che esprimiamo…. Ogni cosa ci rappresenta e noi siamo rappresentati da centomila cose......Su Telesanterno TV dal lunedì al venerdì a partire dal 1 Ottobre 2007 alle 13,15 Replica notturna alle 01,15

  • Blog di Psicoterapia e Ipnosi ericksoniana Un comunicare diverso

    Un modo diverso di comunicare....per capirci meglio e di più... perchè degli altri non si capisce mai abbastanza.... e quando ci sembra di capire.... è il momento che non abbiamo capito nulla....diceva Tiziano Terzani.... "come si fa ad allevare la vita per ucciderla e poi anche mangiarsela...." Il discorso si può intendere in senso lato... non solo riferita agli animali.... ma anche a noi stessi..... che uccidiamo la vita.... e spesso ce la mangiamo.... la consumiamo.... non facendo nulla per cambiare..... ma qualcuno lo fa.... con sacrifici lo fa.... ed è questa la speranza del mondo... perchè il domani può essere meraviglioso....

  • I tempi necessari ad ascoltarsi e ad ascoltare

    Bisognerebbe fare un passo indietro.... e recuperare il senso del tempo per poter fare le cose secondo il tempo giusto che occorre per farle. I tempi necessari ad ascoltarsi e ad ascoltare. I tempi necessari per capirsi e i tempi necessari per capire. La nostra sofferenza che si misura con quella degli altri.... e con quella degli altri si ridimensiona.

  • Il tempo non ha tempo….

    se ci siamo, se partecipiamo, se ascoltiamo il tempo, il tempo ha una dimensione diversa....Doveva riconciliarsi col tempo, per una diversa visione del suo futuro, per un diverso ricordo del suo passato, e per un presente che non fosse sempre la risposta ad un passato, ma espressione del suo desiderio, ora....Un eterno presente, in cui le risposte saranno successive… una dopo l’altra…goccia dopo goccia... Apparenza di insignificanti mattoni…

  • Le Emozioni e le storie del Bene

    Raccontare della morte e della sua forza infinita… della forza infinita del male… contro la fragilità e l’impotenza dell’uomo, che a volte incarna l’essenza stessa del bene… quando si rende conto della presenza e della necessità degli altri… quando scopre in uno sconosciuto un nuovo fratello…le proprie emozioni, che, scorrono come dovrebbero scorrere, non più trattenute, che, divengono un gesto, una carezza dell’anima, che, esce dal buio, che, direttamente, dall’inconscio, acquista corporeità e luce....E’ nel male che l’uomo recupera il suo essere uomo… E, finalmente, ricomincia a comportarsi come un uomo… Diceva Perlasca… ”ero là, cos’altro potevo fare, se non fare quello che ho fatto” Il bene è un qualcosa di sovrannaturale, attraverso il quale l’uomo si avvicina a Dio, e diviene anch’esso un po’ divino, come i semidei del mondo mitico dei Greci…. L’uomo ha una sola ala Ed, in certi momenti, si rimpossessa della sua ala mancante e ritorna angelo...il bene è uno stato dell’anima che riscopre il suo amore per la vita, e che accarezzando gli altri accarezza e nutre se stessa....e con se, far volare gli altri....

  • Io non ti abbandonerò

    Un amore che si consuma presto, quello dell’uomo per l’animale, una specie di passione a cui subentra la noia ed il fastidio, verso chi, in un qualche modo, è entrato nella nostra vita. Ha soddisfatto un nostro bisogno, ma poi non serve più. Un piacere di un momento, che non arriva al cuore, ma che si ferma dove non si dovrebbe mai fermare. Ci sono sempre ottime ragioni per abbandonare qualcuno…“Io non ti abbandonerò” detto ad un essere umano o ad un essere animale, lo si può esprimere in tanti modi, che non sono necessariamente racchiusi in una parola, ma con un gesto, un modo di essere, una disponibilità, un amore per la vita.....

Le categorie della guida