Questo sito contribuisce alla audience di

LE STAGIONI DELLA NOSTRA VITA

L’uomo, che d’inverno, riflette al suo interno, che si riappropria delle ragioni della sua vita.. L’uomo, che in primavera, scorre come fiume… L’uomo, che nell’estate, lascia aperte le porte del suo cuore e della sua mente e si concede al sentimento e alla amicizia e a nuove acquisizioni, con la mente libera, l’uomo che imita la natura intorno a lui, l’uomo che produce arte e diventa arte lui stesso, l’uomo che cresce e matura ai raggi del sole come fosse pianta. L‘uomo senza vincoli alcuno, se non quello di non forzare mai quello che la natura gli propone.

L’uomo,

che d’inverno,

riflette al suo interno,

che si riappropria delle ragioni della sua vita,

della sua sessualità,

che le coltiva nel buio apparente.

L’uomo,

che in primavera,

scorre come fiume

e che si lascia andare alla corrente,

senza resistenza, senza sforzo alcuno.

L’uomo,

che nell’estate,

lascia aperte le porte del suo cuore e della sua mente

e si concede al sentimento e alla amicizia

e a nuove acquisizioni,

con la mente libera,

l’uomo che imita la natura intorno a lui,

l’uomo

che produce arte e diventa arte lui stesso,

l’uomo

che cresce e matura ai raggi del sole come fosse pianta.

La salute e l’equilibrio

sono dentro e fuori di noi,

quando ci nutriamo di quello che la natura ci mostra,

accettando e facendo diventare nostri

i tempi e gli apparenti limiti delle stagioni.

L’uomo

nell’Autunno,

il corretto rapporto tra il fuori e il dentro,

uno scorrere nei due sensi,

come due corsi d’acqua che si fondono.

L’uomo

libero di decidere

e di mettere in discussione la propria vita ,

di seguire i propri sogni ed ideali,

l’uomo

che sa e conosce in ogni momento quale è il suo spazio

e lo spazio degli altri.

L‘uomo senza vincoli alcuno,

se non quello

di non forzare mai

quello che la natura gli propone.

Riproduzione Riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte per fini didattici educativi

Le categorie della guida