Questo sito contribuisce alla audience di

L’OBBIETTIVO e la GARA della TUA VITA

L’idea del tempo può essere un fatto relativo se la concentrazione, il tuo esserci dura per tutto il tempo necessario per raggiungere quel fine, che è la realizzazione massima del tuo sentire interiore...Cos’è una gara nella tua vita? Un traguardo, un punto di arrivo forse nell’universo interminabile dei tuoi punti di arrivo, una cima di una montagna espugnata a cui quasi sicuramente ne seguirà un’altra. Perché poi è proprio così, se tu compi una azione, ad essa seguiranno un numero infinito di mutamenti che richiederanno nuove azioni successive. E’ insito nel mutamento determinare nuove cose che succederanno, perché il mutamento è un fatto dinamico, una plasticità che si assume che diventa forza immensa nella sua apparente fragilità iniziale..E’ un desiderio dell’anima che sale e che per respirare cerca spazio all’esterno di te e l’ossigeno nel mondo apparente..Metti un punto affinché le risposte che troverai strada facendo siano le risposte che avrai sempre aspettato. Ma non dove tu avevi deciso, non dove tu volevi ma dove dovevano essere, in quei punti dove le linee che si cercano si incontrano e non dove le linee parallele non si incontreranno mai.

L’OBBIETTIVO e la GARA della TUA VITA

Cosa significa vincere una gara qualsiasi nel corso della nostra vita o una gara nel giorno delle olimpiadi?

In una gara olimpica, che può essere anche

l’Olimpiade della tua vita, tutto si gioca e viene giocato nel corso di una frazione di secondo, un secondo, un minuto, un ora, più ore a seconda della gara considerata.

L’idea del tempo può essere un fatto relativo se la concentrazione, il tuo esserci dura per tutto il tempo necessario per raggiungere quel fine, che è la realizzazione massima del tuo sentire interiore.

Cos’è una gara nella tua vita?

Un traguardo, un punto di arrivo forse nell’universo interminabile dei tuoi punti di arrivo,

una cima di una montagna espugnata a cui quasi sicuramente ne seguirà un’altra.

Perché poi è proprio così, se tu compi una azione, ad essa seguiranno un numero infinito di mutamenti che richiederanno nuove azioni successive.

E’ insito nel mutamento determinare nuove cose che succederanno, perché il cambiamento è un fatto dinamico, una plasticità che si assume che diventa forza immensa nella sua apparente fragilità iniziale.

Cos’è una gara nella tua vita?

E’ un desiderio dell’anima che sale e che per respirare cerca spazio all’esterno di te e l’ossigeno nel mondo apparente.

E’ un assecondare te stessa per raggiungere quella profonda intesa col tuo io profondo affinché ogni volta che ti specchierai ti riconoscerai veramente.

E’ una identità forte con te stessa con quel “io sono, io esisto” che malgrado tutto e a volte malgrado te ha preso vita dentro di te e come ogni vita ha bisogno di nascere per realizzarsi.

Cos’è una gara nella tua vita?

E’ conoscere le tue sensazioni, le tue percezioni e farle diventare modo di essere del tuo toccare, del tuo manifestarsi, affinché anche ad occhi chiusi ti si possa riconoscere.

E’ seguire quei sogni, quei timidi sogni, e farli uscire dal mondo dei sogni e diventare realtà a cui il sole non ferisce gli occhi ma da forza e nutrimento.

E’ ascoltare la melodia del tuo cuore affinché le tue parole diventino musica e si fondano nel concerto del mondo, in un unica armonia.

Com’è una gara nella tua vita?

Devi essere convinto della gara della tua vita, non puoi seguire modelli altrui che non ti appartengono, ma deve essere il tuo modello.

Nei seminari di comunicazione per giorni e giorni si esaminano metodi e tecniche per esprimere i tuoi pensieri e poi alla fine piacevolmente scopri che la migliore comunicazione è quella che ottieni, facendo come a Piccadilly Circus a Londra, cioè mettendoti in piedi su una cassa di birra e declamando quello che ti detta il cuore.

Qual è la comunicazione della tua vita?

La migliore comunicazione della tua vita è quella che da concretezza al tuo sentire interiore, a quello che percepisci di te e che finalmente si cristallizza in parole che escono con l’impeto e con la freschezza del vento dell’ovest di Shelley e che fanno ondeggiare i fiori come se fossero un mare, e non più alghe immote dentro di te, i tuoi pensieri raffermi.

La gara della tua vita è semplicemente vivere la tua vita come in quel momento, come in ogni momento vorresti viverla, senza inutili se e ma.

Le risposte che otterrai saranno quelle che saranno ma tu avrai vinto la tua gara, la gara della tua vita, perché le tue parole nascoste avranno vita, e quello che dipenderà da te lo farai succedere e quello che non dipenderà da te, non dipenderà da te…. punto ….

Esprimi un punto dopo le tue sensazioni, le tue idee che prendono vita.

Metti un punto affinché le risposte che troverai strada facendo siano le risposte che avrai sempre aspettato.

Ma non dove tu avevi deciso, non dove tu volevi ma dove dovevano essere, in quei luoghi dove le linee che si cercano si incontrano

e non dove le linee parallele non si incontreranno mai.

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico educativi

Le categorie della guida