Questo sito contribuisce alla audience di

Le OLIMPIADI della TUA VITA

La gara olimpica, può interessare anche te per quei particolari momenti della tua esistenza in cui tutto si gioca e si perde in un attimo. In cui devi avere la massima percezione del tuo corpo e delle sue possibilità, il senso di te stesso. In cui la duttilità e la elasticità del tuo corpo e della tua mente divengono plasticità. In cui le risorse che possiedi, la tua armonia e il tuo benessere si trasfigurano e si ottimizzano. In cui tutto questo è finalizzato per ottenere quel risultato. In cui la tua concentrazione ti porta a superare e a ridere dei tuoi limiti...Tu devi conoscere il tuo corpo, conoscere il funzionamento di ogni singolo muscolo, dapprima scomponendo le singole parti di te, per conoscerle e poi ricomporle per una visione più chiara e completa del mosaico della tua vita e delle tue infinite possibilità....Una corsa… dai 100 ai 10.000 metri… come le infinite e diverse corse della tua vita, è un insieme composto ed armonico di movimenti muscolari che perseguono lo stesso fine…e tutto lo sarà ancora di più quando l’ingranaggio del meccanismo che hai messo in movimento reagirà ai più piccoli stimoli e scatenerà la splendida reazione del tuo corpo e della tua mente che vinceranno quella gara....Concentrati sul tuo corpo, concentrati sulla tua mente, ogni passo, ogni falcata, è e sarà la prima e l’ultima, non seguire il conto di quanti passi fai, ma stupisciti soltanto di questa magnifica scoperta...e sarai solo in quel momento, splendidamente solo, di una solitudine che prima non conoscevi , ma che ti permetterà di valutare e di ascoltare di vedere di percepire quello che farai, non esiste e non esisterà nulla che ti può e ti potrà turbare prima e dopo di questo momento..quello che accadrà vorrà dire che doveva accadere, e quello che non accadrà io non credo che non possa accadere, se tu veramente lo desideri dentro di te..Non guardare indietro, non guardare in avanti, c’è solo spazio davanti a te, percorrilo cogli occhi, col tuo respiro, sentilo sotto i tuoi piedi...è una splendida discesa…lasciati andare ad essa.. vai come valanga inarrestabile..verso il traguardo della tua vallata che ti attende..percorrila tutta in un soffio…non preoccuparti quando ti dovrai fermare…quando vincerai ti fermeranno gli altri...attendi solo quello e goditi la tua gloria…per un giorno e per la tua vita…

 

La gara olimpica, può interessare anche te per quei particolari momenti della tua esistenza in cui tutto si gioca e si perde in un attimo.

In cui devi avere la massima percezione del tuo corpo e delle sue possibilità, il senso di te stesso.

In cui la duttilità e la elasticità del tuo corpo e della tua mente divengono plasticità.

In cui le risorse che possiedi, la tua armonia e il tuo benessere si trasfigurano e si ottimizzano.

In cui tutto questo è finalizzato per ottenere quel risultato. In cui la tua concentrazione ti porta a superare e a sorridere dei tuoi limiti.

Ed allora per tutti quei momenti…

Tu  devi conoscere il tuo corpo, conoscere il funzionamento di ogni singolo muscolo, dapprima scomponendo le singole parti di te, per conoscerle e poi ricomporle per una visione più chiara e completa del mosaico della tua vita e delle tue infinite possibilità.

Una corsa… dai 100 ai 10.000 metri… come le infinite e diverse corse della tua vita, è un insieme composto ed armonico di movimenti muscolari che perseguono lo stesso fine…

Lo stesso avviene nella tua mente, un puzzle che si ricompone e che acquista una visione chiara.

Concentrati….concentrati sul tuo piede, concentrati..sulle dita dei tuoi piedi, su quelle dita che percepiscono il terreno e che si allargano in esso, che appoggiano interamente in modo da avere la massima base d’appoggio, percepisci il tuo alluce e poi una ad una le altre dita, e poi falle diventare un insieme un avampiede intero che con la sua plasticità si flette, come una molla… pronta a scattare…

e sollevi il tallone che diventa leggero … e poi la gamba che si prepara a seguire lo scatto che potrai fare come se tutti i nervi uniti, come se tutti i muscoli uniti, come se le tue arterie unite nutrissero una ad una quelle singole fibre affinché tutta la tua energia possa scorrere in quelle gambe, come un torrente a primavera, inarrestabile per tutto il tempo che ti servirà.

E poi tutto sarà facile perché quell’armonia che senti nelle gambe e che sale lungo il tuo corpo, era già nata prima, forse ancora prima di te, era già nella tua testa, nella tua mente profonda, e tu le hai solo dato solo un corpo e un anima…. ora.

E sorridi riflettendo per una frazione di secondo che ti sembra eterno, considerando che tutto è così facile, meravigliosamente facile

e tutto lo sarà ancora di più quando l’ingranaggio del meccanismo che hai messo in movimento reagirà ai più piccoli stimoli e scatenerà la splendida reazione del tuo corpo e della tua mente, che vinceranno quella gara.

Il tuo corpo è elastico, duttile come la terra creta e non incontra resistenza all’aria ma la percorre come diventando aria esso stesso, e le tue gambe possono volare e niente potrà mai fermarle, innarrestabili come un treno in corsa.

Concentrati sul tuo corpo, concentrati sulla tua mente, ogni passo, ogni falcata, è… e sarà.. il primo e l’ultimo, non seguire il conto di quanti passi fai, ma stupisciti soltanto di questa magnifica scoperta, dell’equilibrio che hai trovato, della tua leggerezza nell’aria,

ogni passo ogni falcata è… e sarà.. più ampia, non fermarti a valutarla, ogni passo ogni falcata si allungherà sempre di più e percorrerà più spazio e più tempo,

e sarai solo in quel momento, splendidamente solo, di una solitudine che prima non conoscevi , ma che ti permetterà di valutare e di ascoltare di vedere di percepire quello che farai, non esiste e non esisterà nulla che ti può e ti potrà turbare prima e dopo di questo momento, non esiste un prima e non esiste un dopo, tu stai dando il massimo in questo momento, tu esisti ed esisterai solo per quel momento.

quello che accadrà vorrà dire che doveva accadere, e quello che non accadrà io non credo che non possa accadere, se tu veramente lo desideri dentro di te, con la forza del tuo cuore, che si trasmette alle tue braccia e alle tue gambe e che ti rende simile a un Dio.

E se solo per oggi vuoi sentirti così senza alcun limite, fallo pure liberamente perché non c’è nulla cha piaccia di più a Dio se non vedere le sue creature che si rendono degne del suo creatore.

Non guardare indietro, non guardare in avanti, c’è solo spazio davanti a te, percorrilo cogli occhi, col tuo respiro, sentilo sotto i tuoi piedi.

Se ti sentirai stanco,

se questo dovesse accadere ma non è detto che accada…

allora guarda ancora meglio guarda quello che stai compiendo…non stai correndo in salita…non c’è sforzo che il tuo corpo e la tua mente non possano sopportare…

è una splendida discesa…lasciati andare ad essa.. vai come valanga inarrestabile..verso il traguardo della tua vallata che ti attende..percorrila tutta in un soffio…non preoccuparti quando ti dovrai fermare…quando vincerai ti fermeranno gli altri…coprendoti di fiori…di applausi…di bandiere…di abbracci…attendi solo quello e goditi la tua gloria…per un giorno e per la tua vita…

 

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini

foto riprodotte a fini didattico esplicativi 

 

 

 

Le categorie della guida