Questo sito contribuisce alla audience di

OSSERVARE: l'Occhio Innocente

Sigmund Freud parlava di magia della parola, Milton H.Erickson era un mago: recuperare "il sentire"e la sensibilità di un bambino all’inizio del mondo, per scoprire il nostro mondo interiore, è sicuramente una grande e pur semplice magia. Ed allora lasciamo che il mondo si popoli di maghi, e di magici Elfi del mondo parallelo. Lasciamo che gli uomini parlino all’apparente magico nulla piuttosto che solo a se stessi e per se stessi...."guardate una bella persona o un qualunque oggetto come fosse la prima volta che lo vedete" …abbiamo perso l’abitudine di non vedere oggetti familiari, gli amici, la famiglia "Dicono che non c’è niente di nuovo sotto il sole. In realtà non c’è niente di vecchio" Solo gli occhi diventano vecchi, abituati alle cose; allora niente è nuovo. Per i bambini ogni cosa è nuova: è per questo che ogni cosa li eccita. .."Guardate con occhi nuovi, come se fosse la prima volta…Ciò darà nuova freschezza al vostro sguardo. I vostri occhi diventeranno innocenti. Occhi così innocenti sono in grado di vedere. Occhi così innocenti sono in grado di penetrare nel mondo interno."" …"Osservate i bambini piccoli quando disegnano "è una stalla? No, è una mucca. No, è un albero"Il disegno è qualsiasi cosa loro vogliono che sia...."Mandai uno dei miei pazienti, un eroinomane, a sedersi sul prato, fino a che non fece una fantastica scoperta. Era un allergologo, e aveva una fenomenale percezione dei colori. Dopo un ora e mezza che se ne stava seduto sul prato, entrò di corsa in casa e mi disse: "ma lo sapeva che ogni filo d’erba ha una gradazione di verde diversa? ..Se si vuole proprio parlare di tecnica di uno psicoterapeuta, questa può essere una tecnica, esercitarsi per capire le cose, calandosi nelle cose, osservando le cose....

Harry Potter: l’occhio innocente.

L’immagine, ancora di più delle parole, esprime e rappresenta i nostri sogni.

Chi meglio di un bambino potrebbe descrivere Harry Potter?

Mio figlio Lorenzo di 13 anni

“si vedono questi bambini che tutti vorremmo essere,

scoprire un mondo magico e fantastico in cui pure io vorrei stare”

Lorenzo ha ragione e forse ognuno di noi vorrebbe lasciare questo mondo

di adulti di cartapesta che “ti uccidono per un si o per un no”

per entrare nel mondo di Harry Potter.

Per cercare il binario 9 e trequarti, e prendere la rincorsa, rischiando di prendere una solenne craniata,

solo perché non ci crediamo abbastanza,

ma, quando crediamo alle cose, le cose, anche nella realtà, per magia accadono.

Non lasciate che le luci si riaccendano nella sala,

non chiudete mai quel libro, lasciate che Harry Potter viva in voi,

lasciate che la magia entri in voi e scoprite in voi

le potenzialità che avete e fatele diventare magia.

Sigmund Freud parlava di magia della parola,

Milton H.Erickson parlava della semplice magia di

recuperare “il sentire” il guardare e la naturale curiosità di un bambino, per scoprire il nostro mondo interiore,

Ed allora lasciamo che il mondo si popoli di maghi,

e di magici Elfi del mondo parallelo.

Lasciamo che gli uomini parlino all’apparente magico nulla

piuttosto che solo a se stessi.

L’Occhio innocente di Milton H.Erickson

“Nel libro dei segreti Bhagwan Shree Rajneesh descrive un sutra..”

”guardate una bella persona o un qualunque oggetto come fosse la prima volta che lo vedete” …abbiamo perso l’abitudine di non vedere oggetti familiari, gli amici, la famiglia “Dicono che non c’è niente di nuovo sotto il sole. In realtà non c’è niente di vecchio”

Solo gli occhi diventano vecchi, abituati alle cose; allora niente è nuovo.

Per i bambini ogni cosa è nuova: è per questo che ogni cosa li eccita. ..

”Guardate con occhi nuovi, come se fosse la prima volta…

Ciò darà nuova freschezza al vostro sguardo.

I vostri occhi diventeranno innocenti.

Occhi così innocenti sono in grado di vedere.

Occhi così innocenti sono in grado di penetrare nel mondo interno.””

“Abbiamo già incontrato questo tema del “guardare con occhi nuovi”

in molti dei racconti di Milton H.Erickson.

Nel racconto “come allenai la nostra squadra di tiro per battere i russi”

Milton H.Erickson istruisce i tiratori a pensare ad ogni colpo come se fosse il primo.

In “camminare sul ghiaccio sdrucciolevole” il soggetto è portato a lasciare da parte le sue precedenti associazioni, poiché ha gli occhi chiusi e non si rende conto di camminare sul ghiaccio.

Di conseguenza non cammina rigido pronto a cadere.

Può allora fare ogni passo in modo innocente…”

Pensare come bambini di Milton H.Erickson

…“Osservate i bambini piccoli quando disegnano “è una stalla?

No, è una mucca. No, è un albero”

Il disegno è qualsiasi cosa loro vogliono che sia.

La maggior parte de bambini piccoli ha una buona immaginazione ..

ed alcuni hanno dei compagni di gioco immaginari.

Possono fare una festa che possono tramutare in un gioco nel frutteto.

Poi possono tramutare quella festa nel frutteto in una caccia alle uova di pasqua.

I bambini sono molto ignoranti, così hanno molto spazio nel tramutare le cose….

E rivolto agli adulti

“ avete al vostro servizio miliardi di cellule cerebrali che ordinariamente non utilizzate.”

Il fantasma Roger di M. H.Erickson Il campo di ossa del cane lassù

“Avevamo un cane, un bassotto maschio di nome Roger.

Quando morì mia moglie ne fu molto addolorata.

Il giorno dopo, nella cassetta della posta c’era una lettera per lei,

da parte del Fantasma Roger, dal gran campo di ossa lassù.

Naturalmente il fantasma Roger era molto prolifico come scrittore di lettere.

E il fantasma Roger captava molte chiacchiere degli altri fantasmi

su come bambini si comportavano quando erano piccoli.

I miei nipotini leggono quelle lettere e hanno in formazioni, “dall’interno”, sui loro genitori.”

“Perché porta quel bastone?” di Milton H Erickson

Erickson utilizzava un bastone

come se fosse una bacchetta durante le sue conferenze.

Alla fine, uno del pubblico, pensando che fosse un eccentrico,

gli chiese perché usasse un bastone.

Milton H Erickson disse

“porto con me il bastone perché zoppico…va anche bene come bacchetta”

E si rese conto che molti altri del pubblico non avevano notato che lui zoppicava.

“Sono entrato in molte case e i bambini mi dicevano subito

“che cos’hai nella gamba?” Perché lo notano.

La mente di un bambino è molto aperta,

mentre gli adulti tendono a limitarsi.

Qualsiasi prestigiatore vi dice

“non fate venire i bambini troppo vicino o scopriranno il trucco”

La mente degli adulti è chiusa

Credono di osservare ogni cosa, ed invece non stanno osservando.

Hanno un modo abitudinario di guardare le cose.”

Osservare e percepire, come se fosse il primo giorno del mondo.

Osservare e percepire, le cose,

spostare il punto di vista dall’interno di noi, verso il fuori.

Come se fosse il primo giorno del mondo.

La tecnica di uno psicoterapeuta,

è semplicemente esercitarsi a capire le cose,

calandosi nelle cose, osservandole, come esse realmente sono.

Calarsi negli altri, osservandole dal di fuori per comprenderle dentro.

Se non ci facciamo condizionare dai nostri

limiti anche gli altri non ne avranno.

Se comunichiamo solo parole, quelle parole si perderanno nel vento,

se vogliamo parlare all’anima di un’altra persona,

dobbiamo essere la voce della nostra anima.

Se desideriamo portare un altro al di la di un muro,

dobbiamo prima andarci noi, per riferirgli quello che abbiamo già visto.

Una gradazione di verde diversa di Milton H Erickson

Mandai uno dei miei pazienti, un eroinomane, a sedersi sul prato,

fino a che non fece una fantastica scoperta.

Era un allergologo, e aveva una fenomenale percezione dei colori.

Dopo un ora e mezza che se ne stava seduto sul prato, entrò di corsa in casa e mi disse: “ma lo sapeva che ogni filo d’erba ha una gradazione di verde diversa?

E me li sistemò davanti dal più chiaro al più scuro.

Era talmente sorpreso. La quantità di clorofilla varia da foglia a foglia….”

“Un’altra volta lo feci sedere sul prato con la faccia rivolta ad est.

Venne dentro e disse

“ il cipresso nel lotto accanto è inclinato verso il sole, pende verso sud.

Ho scoperto che nel prato lei ha cinque cipressi e che tutti pendono verso sud. “

“L’ho scoperto la prima volta che venni a Phoenix, girando per la città, verificando la cosa” dissi io.

“La prima volta che ho visto una pianta eliotropia, la cosa mi ha stupito.

Di solito uno pensa che gli alberi crescano su dritti.

E’ una pianta eliotropia!

Guardando un girasole si può dire che ora è”

Avete mai sentito parlare di un’aiuola-orologio? Di Milton H Erickson

“Avete mai sentito parlare di un’aiuola-orologio?”

Mia nonna aveva un’aiuola-orologio.

I convolvoli si schiudevano di prima mattina, certi altri fiori si schiudevano alle sette, altri alle otto, altri alle nove, altri alle dieci, altri ancora a mezzogiorno.

E poi c’erano le primule della sera, per esempio.

Il cereus si schiude verso le dieci e mezza o le undici di sera.”

Ogni cosa ha il suo ritmo le sue ore e le sue stagioni.

fonte “Milton H. Erickson La mia voce ti accompagnerà. I racconti didattici di Milton H.Erickson a cura di Sidney Rosen”

Riproduzione riservata Gilberto Gamberini per le parti che gli competono.

Copyright © 2004-2007 [Gilberto Gamberini]. Tutti i diritti riservati.

Le categorie della guida