Questo sito contribuisce alla audience di

Sindrome da Anonimato

spettacolarizzano il dolore, la rissa o il tradimento, alternandoli a frivolezze e pettegolezzi, come se nulla fosse». Mentre mezza umanità soffre di fame vera, di abbandono, di miseria, di malattie, e a proprio grave rischio compie viaggi della speranza a bordo di carrette del mare, anelando ad un futuro migliore, per se e per i propri figli, l’altra metà invece di soccorrerla e di trovare il modo per farlo gioca alla povertà, e al falso rischio e prende questo gioco sul serio.La decadenza di una civiltà si misura anche da queste cose, dai non valori che enfatizza e dai valori che tace.Si misura da quello di cui si parla e da quello di cui non si parla.Si sprecano energie e soldi per occuparsi di cose superficiali, e non si occupano energie e risorse per occuparsi di cose che migliorino il benessere psico-fisico dell’uomo e umanitario dell’uomo

Sindrome da anonimato

 

Scrive Famiglia Cristiana” sull’isola dei famosi della passata edizione

spettacolarizzano il dolore, la rissa o il tradimento, alternandoli a frivolezze e pettegolezzi, come se nulla fosse». Mentre mezza umanità soffre di fame vera, di abbandono, di  miseria, di malattie, e a proprio grave rischio compie viaggi della speranza a bordo di carrette del mare, anelando ad un futuro migliore, per se e per i propri figli, l’altra metà invece di soccorrerla e  di trovare il  modo per farlo gioca alla povertà, e al falso rischio e prende questo gioco sul serio.

La decadenza di una civiltà si misura anche da queste cose, dai non valori che enfatizza e dai valori che tace.Si misura da quello di cui si parla e da quello di cui non si parla.Si sprecano energie e soldi per occuparsi di cose superficiali, e non si occupano energie e risorse per occuparsi di cose che migliorino il benessere psico-fisico  ed umanitario dell’uomo.

Valorizzare i valori positivi, il bene e la sua realizzazione sono tra i punti fermi di Papa Giovanni Paolo II e del nostro Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ma i loro appelli fatti oltre che alla gente comune anche ai mezzi di informazione, sono inascoltati.Si dice un “va bene” e poi si passa ad altro,  si continua come sempre, come se le parole servissero solo occupare spazio su un foglio bianco,

 come se le parole servissero solo occupare spazio nell’aria invece di essere un mezzo per esprimere qualche cosa. Oltre che diseducativo, il reality show porta a delle vere e proprie patologie di interesse sociale, medico, psicopedagogico, psichiatrico, psicoterapeutico, e a disordini comportamentali e a valutazioni erronee della realtà riassumibili nella “Sindrome da Anonimato”….

 

Da GOOGLE NEW YAHOO NOTIZIE FONTE “(ANSA) - ROMA, 29 AGO 04 - Italiani, popolo di depressi. In barba al luogo comune che ci vede allegri e spensierati, sono ben 10 milioni (18% della popolazione) le persone colpite negli ultimi dieci anni dal male oscuro. Tra le cause principali, non l’amore o i cattivi rapporti in famiglia, come ci si aspetterebbe, ma la cosiddetta ’sindrome da anonimato’, che colpisce un italiano su tre (32%). E’ quanto emerge da uno studio condotto su 850 persone di eta’ compresa tra i 18 e i 66 anni, pubblicato sul mensile ‘Riza Psicosomatica’, in edicola nei prossimi giorni.
…….. ”Se non sei famoso, sei un fallito”, e’ questo il pensiero che colpisce gli italiani vittime di una societa’ dove la comunicazione e il successo sono tutto. Una persona su tre si sente irrealizzata perche’ ritiene che il benessere dipenda dalla fama e dalla notorieta’, e avverte malessere profondo quando si trova sola e sconosciuta in mezzo alla gente. ”Una volta la sindrome da anonimato colpiva soltanto quei vip la cui fama durava lo spazio di una stagione - si legge nella rivista -. Oggi invece contagia proprio le persone comuni in quanto tali, soprattutto
quella generazione per la quale la realta’ finisce spesso con lo sconfinare in un reality show”.
I momenti in cui la ’sindrome da anonimato’ sembra colpire di piu’ sono …. guardando la tv (55%), dove ci si identifica con quei personaggi che sono riusciti a sfondare proprio perche’ persone qualsiasi, …..La ricetta per essere felici e’ dunque quella di diventare qualcuno o realizzare i propri sogni. Secondo lo studio, sette italiani su dieci (68%) ritengono infatti che serenita’ faccia rima con notorieta’”

LA Depressione conclamata o mascherata (che non appare in tutti  suoi sintomi più appariscenti e drammatici) è la causa principale del Suicidio Giovanile, che  rappresenta la terza causa di morte giovanile e del Suicidio in generale.Questo non vuol significare che la TV istighi a questo, ma  i dati  dovrebbero essere stimolo al dibattito e non al silenzio.

Scrive il filosofo francese Jean Baudrillard nella Banalità come crimine perfetto “.. Ciò che profondamente vuole la gente è lo spettacolo della banalità. E’ questa oggi la vera pornografia, la vera oscenità - quella della nullità, dell’insignificanza, dell’appiattimento.“

Ma è quello che vuole veramente la gente oppure è quello che i media vogliono che la gente voglia, creando delle esigenze che altrimenti non sentirebbero?

Al Dio onnipotente creatore del cielo e della terra si è sostituita l’audience, il Dio a cui tutto si sacrifica.

Walter Benjamin “L’umanità che ai tempi di Omero era oggetto di contemplazione per gli dei dell’Olimpo, ora lo è per se stessa. La sua alienazione da sé ha raggiunto un grado tale da farle vivere la sua propria distruzione come una sensazione estetica di prim’ordine”

Riproduzione riservata per le parti che gli competono Gilberto Gamberini

 

 

 

Le categorie della guida